Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Mercati ancora sotto stress per l’Ucraina, nuovo record sul prezzo europeo del gas. Piazza Affari contiene il calo, Francoforte la peggiore d’Europa

Soffre il mercato tedesco per i diversi titoli quotati nel settore industriale e automobilistico, tra quelli più energivori e che quindi risentono del prezzo ancora in aumento di gas e petrolio

Chiude in calo dell’1,36% la Borsa di Milano, dopo lo scivolone in partenze del 6% e una giornata caratterizzata da un andamento in altalena delle contrattazioni. Non si ferma il trend in calo per Piazza Affari, dopo il tonfo dello scorso venerdì e nonostante il recupero nel corso della giornata con rialzi anche di un punto percentuale. Altri segnali critici, effetto dell’inasprirsi del conflitto in Ucraina, arrivano anche dall’indice europeo del gas, con i future proprio sul gas di Amsterdam, riferimento per il prezzo europeo, ha toccato un nuovo record. Il prezzo del metano è salito del 18% solo oggi, chiudendo per la prima volta la seduta sopra quota 200 euro al megawattora, cioè a 227,2 euro. In avvio, l’indice sul gas aveva toccato anche rialzi fino al 79%. Chiudono negativi anche gli altri listini europei, con il peggior risultato registrato a Francoforte con un calo dell’1,98%. Il mercato tedesco, scrive Bloomberg, soffre in particolare per l’importante presenza di titoli industriali e automobilistici particolarmente energivori, che quindi più altri settori risentono delle variazioni dei prezzi di gas e petrolio. Anche Parigi chiude in passivo con -1,31%, poco meglio Londra che termina la seduta con il -0,40%. A Parigi nuovo record per il prezzo del grano che tocca i 430 euro la tonnellata.


Leggi anche: