Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il ministro Guerini: «I militari italiani devono essere pronti, giusto dare più soldi all’esercito»

Il responsabile della Difesa sulla circolare per le divise: «Si tratta di un’attività ordinaria, le forza armate efficienti sono garanzia per i cittadini»

Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini spiega oggi in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera perché è stata inviata la circolare che chiedeva di addestrarsi e prepararsi ai combattimenti: i militari «devono essere pronti», esordisce, per poi precisare: «Francamente sono sorpreso della sorpresa. È un’attività ordinaria che riguarda il livello esercitativo e di prontezza, anche tenendo conto del contesto attuale e delle sue possibili evoluzioni, per le missioni cui sono chiamate le Forze armate». E dice che non c’è nulla di strano nel voto della Camera per l’incremento delle spese militari: «’Voglio essere chiaro: Forze armate moderne ed efficienti sono garanzia in primis per i cittadini, per la loro sicurezza e per il ruolo dell’Italia nel mondo. E il contesto attuale lo richiede ancora di più. Fin dal mio insediamento l’adeguamento delle risorse della Difesa è stata una priorità che ho posto all’attenzione del Parlamento e dell’opinione pubblica. È quindi necessario che gli uomini e le donne in uniforme siano messi in grado di svolgerle nel miglior modo possibile, con piena operatività e massima sicurezza. E che il Paese possa contare su uno strumento militare capace di difenderlo da tutte le forme di rischi. La Camera, a larga maggioranza, ha deciso di incentivare il governo a raggiungere in tempi rapidi questo obiettivo che riguarda la nostra appartenenza alla Nato».


Riguardo le forze sul campo, Guerini precisa che «l’Italia è un paese importante dell’Alleanza – sottolinea il ministro della Difesa – e si assume le sue responsabilità. Eravamo e siamo presenti in Lettonia con 250 unità, in Romania con le attività di sorveglianza degli spazi aerei atlantici oggi con 8 Eurofighter e prosegue l’impegno navale nel Mediterraneo orientale. Siamo disponibili a rafforzare le misure di rassicurazione dei paesi più esposti sul fianco sud-est. Per questo ho intensificato le interlocuzioni con l’Ungheria, dove parteciperemo a esercitazioni congiunte. Iniziative che sono il nostro contributo al rafforzamento della deterrenza in conseguenza delle scelte di Putin. La Nato è un’alleanza difensiva, non una minaccia. Chi racconta il contrario dice una bugia».


Infine, sulle strategie dell’Alleanza Atlantica, dice che «la Nato era già impegnata nella revisione del suo concetto strategico. L’aggressione russa ha rinnovato questa esigenza focalizzando l’attenzione sulla missione primaria, la difesa collettiva. L’Italia inoltre lavora su tre pilastri che contribuiscono alla missione principale: deterrenza e difesa, prevenzione e gestione delle crisi, sicurezza cooperativa. Anche qui Putin ha sbagliato previsione: puntava su una Nato piegata dalla drammatica conclusione della missione afgana e invece ha trovato una Nato più determinata e unita che mai».

Leggi anche: