Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! La tv russa non sta rivelando i piani di invasione dell’Europa da parte di Putin

In un talk show, un esperto militare starebbe discutendo l’invasione dei Paesi baltici. Ma non è come sembra

Il video estratto da un programma andato in onda su un canale russo è stato diffuso negli ultimi giorni. La clip è stata condivisa scrivendo che i suoi protagonisti starebbero parlando in diretta tv della strategia da adottare per invadere l’Europa. Questa pagina Facebook, per esempio, scrive: «Sulla televisione russa è andato in onda un programma in cui un giornalista e i suoi ospiti hanno apertamente discusso dei piani di invasione dell’Europa da parte delle armate di Putin». Secondo questo utente su Twitter, «gli esperti di un canale statale russo stanno discutendo sul modo migliore per invadere la Polonia nord-orientale». Le immagini sono state riprese persino dalle testate del Sun e del DailyMail, con la medesima descrizione.

Per chi ha fretta:

  • Sta circolando un video che secondo molti utenti riprenderebbe un piano di invasione bellica andato in onda sulla tv russa
  • Le immagini riprendono un esperto militare mentre indica delle cartine e parla della Nato e dei Paesi baltici
  • L’uomo ripreso in realtà commentava alcuni articoli usciti sulla stampa tedesca e britannica, che commentavano probabili evoluzioni della politica estera di Vladimir Putin

Analisi

La sequenza è a prima vista allarmante: l’esperto invitato in studio, infatti, indica una cartina parlando di isolare la Nato, e discute di un’invasione ai danni dei Paesi baltici. I media di Mosca stanno dunque trasmettendo tattiche militari, mentre è in corso il conflitto contro Kiev? Le cose non stanno esattamente così.

Le immagini provengono dal talk show “60 minuti” del canale Rossiya 1. La specifica puntata da cui è stato estrapolato lo spezzone è andata in onda il 6 dicembre 2021, ovvero prima dell’invasione della Russia in Ucraina. L’uomo che si vede parlare nel video è Igor Yurievich Korotchenko, esperto militare russo abituato ai salotti televisivi, le cui parole sono state decisamente decontestualizzate. E per capirlo basta vedere il video integrale: Korotchenko commenta in maniera ironica (e polemica) la narrazione dei giornali occidentali riguardo i piani di Putin.

Uno dei post pubblicati via Facebook

Cita innanzitutto un articolo della testata tedesca Bild, pubblicato il 3 dicembre 2021, dal titolo «Così Putin potrebbe distruggere l’Ucraina». Il pezzo descrive nel dettaglio i presunti «piani di invasione» covati da Putin, e che sarebbero venuti allo scoperto grazie ad alcune soffiate arrivate a Bild dalla NATO e dai circoli di intelligence. A supporto dell’ipotesi, viene pubblicata una cartina: la stessa che Korotchenko commenta nel video incriminato.

Ma nella puntata viene menzionata anche una seconda cartina, che mostra la distribuzione delle truppe della Nato nella regione baltica: si tratta di uno schema pubblicato per la prima volta in un articolo del Times, che risale a settembre 2018. Si intitola «Il Corridoio Suwalki: la rotta di invasione di Mosca verso l’Europa», e descrive «la striscia larga 60 miglia che separa gli stati baltici dall’Europa», che se occupata dalla Russia finirebbe per isolare Estonia, Lettonia e Lituania.

Igor Korotchenko ha commentato ironicamente quanto riportato nel testo dell’articolo, affermando: «Certo, voglio rassicurare Polonia, Lettonia, Lituania, Estonia, NATO e soprattutto il Segretario generale della NATO, il signor Stoltenberg che è costantemente spaventato, e, ovviamente, il presidente Bush … [no] non Bush ma Biden: La Russia riconosce e rispetta la sovranità territoriale dei paesi vicini. Non abbiamo piani di aggressione, annessione, occupazione dei paesi vicini». Neanche tre mesi dopo, Vladimir Putin ha dato ordine di invadere l’Ucraina.

Uno dei post Facebook.

Conclusioni:

Nel servizio andato in onda nella tv statale russa prima dell’invasione in Ucraina veniva derisa la narrazione che i media occidentali fanno della politica del Cremlino: non si tratta quindi di uno speciale in cui si discute sui piani di attacco e di conquista di Putin.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: