Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Lo Shakhtar Donetsk in campo con la maglia dedicata alle «città eroiche» dell’Ucraina: sugli spalti 176 giocattoli – Il video

Nella prima tappa in Grecia, sulle maglie dei giocatori del club ucraino sono state citate le città più colpite dalla guerra finora

La stadio dello Shakhtar Donetsk si chiama Donbass Arena, il nome dei territori che la Russia sta cercando di sottrarre all’Ucraina. Il nome di quello che secondo diversi analisti diventerà il nuovo l’ultimo scenario della guerra. Dal 2014, con l’annessione della Crimea e l’inizio della guerra del Donbass, lo Shakhtar Donetsk ha spostato i giocatori e le sue attività da Donetsk a Leopoli e poi a Kiev. Nella serata di ieri la squadra, allenata dall’italiano Roberto De Zerbi, ha cominciato un “Tour della pace” attraverso diversi Paesi. Si tratta di un programma di amichevoli in cui tutti i guadagni verranno destinati alle famiglie delle vittime della guerra in Ucraina. La prima partita è stata giocata ad Atene, contro l’Olympicos Pireo. I calciatori sono scesi in campo con la bandiera dell’Ucraina sulle spalle e i nomi delle città in cui la guerra è stata finora più feroce stampati sulle magliette. Sugli spalti invece 176 posti erano occupati da altrettanti giocattoli: un gesto per ricordare i bambini morti dall’inizio della guerra. La partita è finita 1-0 per l’Olympicos. Le prossime amichevoli saranno il 14 aprile contro il Legia Danzica e il 19 aprile contro il Fenerbahce.


Leggi anche: