Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Parata del 9 maggio, il discorso di Putin: «Soldati, combattete per il Donbass. Il nostro un atto preventivo» – Il video

L’atteso intervento del presidente russo nella Piazza Rossa per il Giorno della Vittoria

«Compagni ufficiali, sottoufficiali, compagni, generali e ammiragli, mi congratulo con voi per il 77esimo anniversario della grande vittoria». Il presidente russo Vladimir Putin, affiancato dai reduci della seconda guerra mondiale, ha aperto così il suo discorso tenuto nella Piazza Rossa di Mosca in occasione del Giorno della Vittoria. Come annunciato dal portavoce del Cremlino Dimitri Peskov, l’attesa parte aerea della parata è stata cancellata a causa di «condizioni meteo avverse». Alla parata non era presente il generale Valerij Gerasimov. A differenza di quanto anticipato nelle scorse settimane da analisti e media, Putin non ha parlato ufficialmente di «guerra» in Ucraina, non ha dichiarato vittoria nel Donbass e nella Crimea e non ha annunciato nuove operazioni militari. Il presidente non ha menzionato né Mariupol, né altre città ucraine già catturate dalle forze russe. Putin non ha dato nemmeno un’indicazione temporale in merito alla fine dell’invasione.


Il «nostro Donbass»

Rivolgendosi ai militari impegnati nella guerra in Ucraina, Putin ha detto: «Anche ora in questi giorni voi combattete nella nostra terra per la nostra gente nel Donbass, per la sicurezza della nostra patria».

La giustificazione della guerra: «La Nato stava per aggredirci in Crimea»

La commemorazione della vittoria sovietica sul nazifascismo ha lasciato subito spazio alle accuse alla Nato e alle dichiarazioni su una presunta aggressione in Crimea programmata dall’Occidente: «La Nato si stava preparando per attaccare la Crimea. A quel punto, uno scontro con i neonazisti era inevitabile. La Russia ha reagito preventivamente contro l’aggressione. Il pericolo è cresciuto ogni giorno, il nostro è stato un atto preventivo, una decisione necessaria e assolutamente giusta». Putin ha poi accusato l’Occidente di voler «cancellare» i valori della Russia, dichiarando che gli Stati Uniti hanno impedito ai veterani americani della seconda guerra mondiale di partecipare alla parata di Mosca.

Il ricordo delle vittime dell’esercito

Putin ha poi commemorato i caduti russi in queste settimane di guerra. «La morte di ogni soldato e ufficiale è una «perdita irreparabile» e il governo russo farà di tutto per aiutare le loro famiglie». Come riportano la Tass e Interfax, Putin ha detto di aver firmato l’ordine di dare un’assistenza statale ai figli dei militari russi uccisi in Ucraina.

Video in copertina: Agenzia Vista

Leggi anche: