Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ucraina nell’Ue, la Commissione accelera: «la prossima settimana ok alla candidatura di Kiev»

Per Kiev sarebbe il primo passo verso il processo di adesione. Diventare un membro effettivo però potrebbe richiedere ancora diversi anni

L’anticipazione arriva dal quotidiano Bloomberg che cita fonti vicine a Bruxelles. La prossima settimana la Commissione europea potrebbe approvare per l’Ucraina lo status di candidato per l’ingresso nell’Unione europea. Questo è il primo passaggio formale per diventare un Paese membro dell’Ue, il seconso step del percorso cominciato lo scorso 28 febbraio quando l’Ucraina ha avanzato una richiesta formale di adesione. Allora erano trascorsi quattro giorni da quando i blindati russi avevano cominciato la loro marcia verso Kiev. Anche se la Commissione europea dovesse approvare lo status di candidato. In ogni caso ci vorrà ancora molto tempo prima che l’Ucraina entri a far parte dell’Unione europea. Al momento esistono infatti Paesi che aspettano da anni di entrare a far parte dell’Ue. A parte la Turchia, caso comunque particolare, ci sono infatti la Macedonia del Nord, il Montenegro, la Serbia e l’Albania. Oltre alle lungaggini burocratiche, al momento sull’Ucraina pendono anche tensioni politiche tutte interne all’Ue. Solo il 22 maggio il ministro per gli Affari Europei di Parigi Clément Beaune aveva chiuso ogni possibilità che Kiev possa entrare nell’Unione europea con una sorta di rito abbreviato: «Dire che l’Ucraina entrerà a far parte dell’Ue tra sei mesi, o un anno o due, è mentire. Probabilmente ci vorranno tra 15 e 20 anni».


Leggi anche: