Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Catania, bambina di 5 anni rapita da «tre persone incappucciate». La procura diffonde le foto

La notizia era iniziata a girare sui social ed è stata poi confermata dalla Procura

Una bambina di quasi cinque anni è stata sequestrata nel Catanese. Persone armate l’avrebbero rapita mentre era con un familiare a Piano di Tremestieri. A denunciare è stata la madre, Martina Patti, che si è rivolta ai carabinieri di Mascalucia. La notizia del sequestro, che che è iniziata a girare sui social insieme alla foto e alle generalità della piccola, è stata confermata dalla Procura di Catania che ha aperto un’inchiesta e ha affidato le indagini ai militari. Secondo indiscrezioni circolate in queste ore ma che non sono state confermate dagli inquirenti, i carabinieri starebbero eseguendo accertamenti su una vettura abbandonata a Tremestieri. Sul post che gira sui social si legge che la bimba sarebbe «stata rapita in zona Piano Tremestieri verso le 15» e che «i probabili autori» sarebbero «tre persone incappucciate a bordo di auto di cui non si conosce modello colore e targa».


Le foto della procura di Catania

La procura di Catania ha autorizzato la diffusione di due immagini: una risale all’8 maggio e si vede la bambina ritratta in posa. La piccola veste una tuta e si trova in un asilo. La seconda immagine invece risale alle ore prima del rapimento. Qui si tratta di un’immagine riflessa e poco nitida. La bambina veste una maglietta bianca e sembra intenta a giocare con un oggetto. Il sindaco di Mascalucia Enzo Magra ha spiegato che il rapimento potrebbe essere legato a dinamiche familiari: «Sono ore di grande ansia per la nostra comunità e sono personalmente sconvolto da questa notizia. Mi sono messo a disposizione dei carabinieri per aiutare le ricerche anche tramite la protezione civile, i volontari, ma mi è stato riferito che non si tratta di smarrimento o di fuga, ma di altro, probabilmente di dinamiche familiari».


ANSA | Un’immagine della bambina nelle ore prima del rapimento

Continua a leggere su Open

Leggi anche: