Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Medvedev ancora contro l’Italia (e l’Europa): «Politici europei in declino, Draghi non è Berlusconi»

L’ex presidente della Federazione Russa attacca ancora i leader europei: «Presidi di provincia incapaci di prendere decisioni impopolari»

I politici europei hanno un livello «basso», sono soprattutto tecnocrati, ovvero tecnici tra i quali solo alcuni hanno un livello buono. E in ogni caso «senza offesa per nessuno ma è chiaro che Mario Draghi non è Silvio Berlusconi e Olaf Scholz non è Angela Merkel». E’ l’ultimo intervento stavolta ampio ed affidato a Telegram del vice presidente del Consiglio di sicurezza della Federazione russa, ed ex presidente della Federazione Russa, Dmitry Medvedev. Come aveva fatto già in passato, se la prende con i leader europei e non manca di mettere nell’elenco anche l’Italia. I leader europei si comporterebbero come «presidi di scuole di provincia», incapaci di prendere decisioni impopolari: «Ogni leader è unico, ma un politico è una persona in grado di prendere decisioni impopolari e di assumersene la responsabilità. E che capisca che le relazioni internazionali non sono l’ufficio di un preside di provincia di una scuola europea, dove gli studenti ricevono schiaffi e sanzioni». E conclude con una citazione di Putin: «Come ha giustamente osservato Vladimir Putin, “dopo la morte del Mahatma Gandhi non c’è più nessuno con cui parlare”».


Qui l’intervento integrale:


Ps: canti di addio dei pigmei politici del pindostan (non Pelevin) [Pelevin è un famoso scrittore russo ndr]

Mi esprimerò su un argomento su cui non è consuetudine esprimersi. Si tratta dei nostri colleghi stranieri. Oggi, tuttavia, questo è diventato abbastanza accettabile. Lo fanno sia qui che là. I motivi sono chiari.

Da molto tempo sono in contatto con leader stranieri e posso constatare quanto il livello dei politici occidentali si sia abbassato. Negli ultimi vent’anni è accaduto letteralmente davanti ai miei occhi. Ovviamente, in Europa non sono rimasti politici come Helmut Kohl, Jacques Chirac o Margaret Thatcher. Non si tratta, ovviamente, di coloro che a volte vengono definiti filo-russi, anche se i politici forti non sono mai stati russofobi. La questione è completamente diversa. Lo strato politico di persone che hanno incarnato una politica potente, a volte un’intera epoca, è stato sostituito da un gruppo stentato di individui che convenzionalmente si definiscono tecnocrati. Alcuni di loro sono specialisti abbastanza qualificati, ma non di più. E qui sta il problema! Queste persone sono in grado di formulare intelligentemente un’idea e di dare istruzioni precise agli assistenti. Ma non sono in grado di assumersi le proprie responsabilità. Si nasconderanno, si tireranno indietro, faranno riferimento alle istruzioni, alla congiuntura, persino al cambiamento climatico, ma non prenderanno una decisione. O lo faranno con un ritardo catastrofico. E questo è un disastro completo.

Un vero politico non ha paura di prendere decisioni. Sì, può sbagliare e persino perdere. Ma sarà una perdita degna di nota. Ogni leader è unico, ma un politico è una persona in grado di prendere decisioni impopolari e di assumersene la responsabilità. E che capisca che le relazioni internazionali non sono l’ufficio di un preside di provincia di una scuola europea, dove gli studenti ricevono schiaffi e sanzioni.

Senza offesa per nessuno, ma è evidente a tutti che Mario Draghi non è Silvio Berlusconi e Olaf Scholz non è Angela Merkel. Si tratta di persone nuove e di una nuova era di governo, a mio avviso tutt’altro che ottimale. Nell’UE, ad esempio, ci sono tecnocrati moderati e fanatici rabbiosi. Sono quasi equamente divisi.

I grandi Paesi, ovviamente, sono in testa. Nel complesso, la Germania, la Francia e l’Italia hanno fatto una buona impressione. Ma il rispetto è stato minato anche nei loro confronti. L’ambasciatore ucraino potrebbe definire il cancelliere Kohl una “salsiccia di fegato offesa”? O l’attuale presidente dell’Ucraina che si presenta a un incontro con il presidente Chirac indossando una maglietta verde? Certo che no. Assurdo. Non sto parlando delle varie frange politiche. Sui russofobi patentati che sputano torrenti di cattiveria antirussa, come i vari Kaczynski e Moravetski, su oscuri pezzenti che cercano di offrire le loro patetiche ricette per l’ordine mondiale, come Heusgen e Vershbow. Il loro nome è legione.

Il problema della degenerazione della politica europea è soprattutto legato al fatto che è diventata una pallida riserva dei solisti americani. Charles de Gaulle potrebbe opporsi a qualsiasi presidente americano. E ora quali europei lo faranno senza stringersi la mano? Non pensano al futuro. Sono limitati solo dai loro flaccidi obiettivi elettorali. Anche i leader della nuova ondata americana non brillano per idee fresche e durezza mentale. E questo continuerà ad essere il caso. Ahimè, non c’è alcuna illuminazione in vista. Questo crea problemi non solo al mondo occidentale, ma anche a noi, alla Russia. Il calibro dei politici sta inesorabilmente diminuendo. Come ha giustamente osservato Vladimir Putin, “dopo la morte del Mahatma Gandhi non c’è più nessuno con cui parlare”.

In copetina: Medvedev (a destra) con Silvio Berlusconi e Vladimir Putin, foto di archivio

Leggi anche: