Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Vertice Lega, Giorgetti: «La leadership di Salvini non è in discussione. Noi fuori dal governo? Siamo responsabili» – I video

Il ministro dello Sviluppo economico dopo la riunione in via Bellerio a Milano: «Non sono io a decidere se uscire dall’esecutivo»

«La leadership di Matteo Salvini non è in discussione». A parlare al termine del vertice della Lega nella sede di via Bellerio a Milano è il vicesegretario del Carroccio e ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti. Se nelle scorse settimane Salvini ha minacciato più volte di uscire dalla maggioranza di governo, in particolare sulle questioni relative alla depenalizzazione della coltivazione della cannabis domestica e sullo Ius Scholae, il titolare del Mise, con toni più “diplomatici”, ai cronisti ha spiegato: «La Lega è un movimento responsabile, che però vuole in qualche modo far presente quelle che sono le proprie idee e posizioni: mi sembra ragionevole, giusto e sacrosanto». Giorgetti ha poi aggiunto: «La Lega è la Lega, ha le sue idee e porta avanti la sua linea, e quindi è giusto che anche all’interno del governo facciamo sentire la nostra voce». Quanto all’incontro tra i vertici leghisti, durato circa tre ore, il ministro ha spiegato che «è andato bene, è stata una bella discussione, abbiamo parlato di tutto».


Tra i temi trattati proprio la questione relativa alla permanenza della Lega al governo, che vede il ministro Giorgetti coinvolto in prima persona. Il numero due del Carroccio ha dunque precisato: «Qui ci sono i due capigruppo, io faccio parte del governo, ma sono loro che decidono se io resto nel governo». Giorgetti infine ha sottolineato: «Lo decidono loro, non io. Come dice la Costituzione della Repubblica italiana, è il Parlamento che dà la fiducia al Governo, non è il Governo che dà la fiducia a se stesso». Dopo l’uscita dal M5s di Luigi Di Maio, la Lega è diventata il primo partito di maggioranza a sostegno del governo Draghi, con 193 parlamentari, di cui 132 deputati e 61 senatori.

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Continua a leggere su Open

Leggi anche: