Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Il Der Spiegel non ha pubblicato una vignetta si Salvini appeso a testa in giù

Il carrtoon circola dal 2019 e il giornale tedesco aveva già subito attacchi a riguardo, anche se non l’hai mai publicato.

È tornata a circolare su Facebook una vignetta del 2019 che ritrae il segretario della Lega Matteo Salvini appeso a testa in giù mentre la folla lo infilza coi forconi e lo prende a bastonate. Chiaro è il riferimento a Benito Mussolini. Secondo l’immagine nella quale appare la vignetta, questa sarebbe stata pubblicata dal noto giornale tedesco Der Spiegel. Della questione Open si era già occupato in questo pezzo a cui si farà spesso riferimento.

Per chi ha fretta:

  • La vignetta è vera e si conosce l’autore;
  • Non è mai stata pubblicata su Der Spiegel o dai media tedeschi contro l’Italia.

Analisi

Di seguito uno dei post che condivide la vignetta. Non è presente nessuna descrizione, mentre nell’immagine stessa si legge:

QUESTO È QUELLO CHE PENSANO IN GERMANIA DI NOI. QUESTA VIGNETTA È APPARSA STAMATTINA SU TUTTI I QUOTIDIANI TEDESCHI….QUINDI TIRATE VOI LE SOMME, E RENDIAMOCI CONTO IN QUALE COMUNITÀ EUROPEA SIAMO

Sotto il cartoon appare la scritta: «Vignetta sul giornale tedesco Der spiegel», mentre la didascalia del disegno è «Bungee jumping auf italienisch», ovvero «Bungee jumping in italiano».

Nonostante l’attribuzione, la vignetta non è mai apparsa sul Der Spiegel, né in versione cartacea, né in quella online. È la stessa testata ad affermarlo, in risposta alla collaboratrice del Primato Nazionale Francesca Totolo, che, come si vede nello screenshot incluso nel precedente articolo di Open sulla vignetta, l’aveva condivisa.

Anche il giornalista di Der Spiegel Mathieu Von Rohr ha ribadito che la testata non ha nulla a che vedere con la vignetta.

L’autore della vignetta è lo slovacco Marian Kamensky, che l’aveva pubblicata sul sito specializzato Cartoon Movement, assieme ad altre tre riguardanti l’ex ministro dell’interno. I cartoon sono stati rimossi, ma è comunque possibile verificare i fatti negli screenshot del nostro precedente fact-check.

Uno dei post più condivisi a luglio 2022.

Conclusioni:

Un vignetta che paragona Salvini a Mussolini pubblicata nel 2019 su un sito personalizzato è tornata a circolare, ma – esattamente come tre anni fa – non ha nulla a che vedere con la testata tedesca Der Spiegel.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: