Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Roma, a 290 km all’ora sul Grande raccordo anulare filmato dall’amico, poi lo schianto: muore un 22enne – Il video

A bordo dell’Audi R8 anche una ragazza incinta. Chi sono i due protagonisti della corsa sul Gra

È lunedì notte, il Grande raccordo anulare a quell’ora è meno trafficato del solito. Due ragazzi a bordo di un’Audi R8 sfrecciano tra le poche auto con la musica alta. Alla guida c’è Orsus Brischetto, un 22enne di origine Rom residente ad Aprilia, che cerca di spingere al massimo sull’acceleratore. Al suo fianco, l’amico Nicholas Calì, anche lui di origine Rom, che riprende la corsa con il suo cellulare. Il lampeggiare dei fari per chiedere spazio alle auto davanti, i sorpassi a destra e il tachimetro che segna i 293 km/h prima dello schianto. Brischetto sbatte contro la barriera Jersey di cemento e perde il controllo della R8. Portato d’urgenza al Policlinico di Tor Vergata, è morto poco dopo. Il suo amico, invece, è stato ricoverato al Policlinico Casilino dove i medici lo hanno dichiarato fuori pericolo di vita.


Le indagini

Nell’incidente, è rimasta coinvolta anche una ragazza incinta che si trovava alla guida di un’auto contro la quale sono finiti alcuni pezzi dell’Audi. Non ha riportato ferite particolari ed è stata dimessa dall’Umberto I in poche ore. Quelli di Brischetto e Calì sono due cognomi già noti alle forze dell’ordine, in particolare alla sezione Gico (Gruppi d’investigazione sulla criminalità organizzata) della guardia di finanza. Secondo quanto scrive Repubblica entrambe le famiglie sarebbero risultate coinvolte nello spaccio di cocaina e hashish nel quadrante sud di Roma e legate con alcune cosche della ‘ndrangheta. Una circostanza smentita dall’avvocato Daidone, che rappresenta i genitori di Brischetto. Oltre al video girato da Calì già a disposizione degli inquirenti, verranno esaminate anche le registrazioni degli impianti di video sorveglianza presenti sul Grande raccordo anulare. Quello che si cerca di capire è se i tre avessero ingaggiato una sorta di gara clandestina con un’altra auto che è fuggita dopo lo schianto.


Edit 25 luglio 2022: dall’avvocato della famiglia Brischetto riceviamo e pubblichiamo:

Spett.li Redazioni,

con la presente in nome e per conto dei genitori di Nicholas Orsus Brischetto,deceduto nel noto incidente avvenuto sul GRA in data 18 luglio 2022, vi diffido dal pubblicare notizie false in ordine ai precedenti penali dello stesso e della sua famiglia, in quanto prive di fondamento. In data 22 luglio c.a., diverse testate giornalistiche hanno integrato, senza riscontro alcuno, la notizia dell’

incidente con dettagli relativi a eventuali precedenti penali di Nicholas e della sua famiglia, assolutamente false. Essendo tali affermazioni mendaci in quanto non rispondenti al vero, Vi diffido a smentire quanto affermato e a non insistere nel perpetrare le suddette condotte lesive dell’onore del defunto e dei miei assistiti, altrimenti mi vedrò costretto a tutelare i miei assistiti nelle sedi opportune.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: