Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questo video non mostra un’eclissi totale di sole: è generato artificialmente al computer

La clip è diventata virale, con il falso claim che sosteneva ritraesse un fenomeno raro avvenuto al Polo Nord

Sui social sta diventando molto popolare un video della durata di 36 secondi. Nella clip, vediamo un vero e proprio «spettacolo della natura». Il testo che accompagna le immagini spiega infatti che siamo al cospetto di una rarissima eclissi totale di sole, nel corso della quale la luna sembra quasi poter toccare la terra. Ma è davvero così?

Per chi ha fretta:

  • Un video che mostra la luna incredibilmente vicina alla Terra ha raccolto oltre 8 milioni di visualizzazioni
  • Chi lo ha condiviso sostiene sia stato girato al Polo Nord, cogliendo un fenomeno raro
  • In realtà, la clip è stata creata artificialmente al computer dall’artista ucraino Patrev
  • Un fenomeno simile a quello ripreso non potrebbe mai realisticamente accadere

Analisi

«Lo spettacolo della natura – Il video Moon Stupendo è girato all’interno del Circolo Polare Artico proprio tra il confine tra Canada, Alaska e Russia…». La clip in questione, dalla durata inferiore a un minuto, mostrerebbe infatti la luna che eclissa il sole al Polo Nord. «Dura solo pochi secondi, ma vale la pena ammirare la vista spettacolare. Questo fenomeno può essere visto solo per 36 secondi solo una volta all’anno; la luna appare in tutto il suo splendore e poi scompare. Sembra così vicino che sembra che si scontrerà con la terra, poi per 5 secondi c’è un’eclissi totale di sole in cui tutto si oscura. Questo fenomeno si verifica solo nel perigeo (il punto in cui la luna è più vicina alla terra) ed è proprio qui che possiamo renderci conto della grande velocità con cui il nostro pianeta si muove…», spiega questo post rilanciando il contenuto.

Lo stesso testo, in accompagnamento al video, è stato condiviso anche da altri utenti. Su Twitter, la clip ha raccolto oltre 8 milioni di visualizzazioni, in un post che spiegava: «La luna è al Polo Nord, dove il giorno dura 24 ore e la luna appare completamente in soli 30 secondi, oscurando il sole per soli 5 secondi per poi scomparire, una vista mozzafiato».

In molti sembrano credere che sia vero, e lasciano commenti meravigliati: «Potrebbe essere la cosa più incredibile che abbia mai visto!», scrive ad esempio questa utente. La più incredibile, forse, ma la più realistica no di certo.

Prima di tutto perché, nonostante dovremmo teoricamente trovarci al Polo Nord, vediamo praterie verdi e quasi secche, piuttosto che ghiacciate. Un terreno che nella realtà è impossibile trovare in quelle aree: «Il Polo Nord si trova nell’Oceano Artico, su pezzi di ghiaccio marino in costante movimento», spiega il National Geographic. L’assenza di terra nel punto della presunta localizzazione del video è confermato anche dal National Environmental Satellite Data and Information Service.

Per fortuna è un fake

Inoltre, la luna che vediamo ripresa presenta dimensioni a dir poco anomale. La distanza che la separa dal nostro Pianeta, come calcola la Nasa, è infatti di 238.855 miglia (circa trenta volte la Terra). La luna può a volte sembrare più grande e vicina, soprattutto nei momenti dell’alba o del tramonto, ma è altamente improbabile che riusciremo mai a vederla enorme come appare nella clip. E dobbiamo sperare che sia così.

Secondo il portale di notizie scientifiche Live Science, infatti, se la luna si avvicinasse alla Terra nella maniera che appare nel video, il risultato sarebbe catastrofico. Questo perché verrebbero innescati effetti indesiderati: l’attrazione gravitazionale aumenterebbe, per esempio, creando maree sempre più basse e potendo potenzialmente spazzare via le isole e le zone costiere basse. In secondo luogo, l’improvviso aumento di gravità provocherebbe anche terremoti e aumento delle eruzioni vulcaniche.

Un ultimo fattore da considerare è la velocità con cui si muove la luna, che normalmente impiega 28 giorni per girare il nostro pianeta. Come spiegato dall’astrofisico spagnolo Alejandro Serrano, infatti, l’evoluzione che vediamo compiere nel video dovrebbe richiedere almeno una settimana: altro che una manciata di secondi.

L’origine del video

Ma allora, da dove spunta fuori la clip che ha commosso il web? Come la qualità stessa delle immagini lascia presupporre, siamo al cospetto di un video costruito artificialmente attraverso gli strumenti della Computer Grafica. Il video è in circolazione da circa quattro mesi, da quando è stato condiviso su TikTok lo scorso 17 maggio. Il suo autore è l’artista ucraino Aleksey Patrev, com’è possibile dedurre dalla prima pubblicazione della sua opera a questo link.

L’artista ha inoltre esplicitamente rivendicato la paternità del video, spiegando che era stato venduto come NFT (Non Fungible Token) sulla piattaforma Smaugs. Patrev si presenta come un «creatore digitale e artista di computer grafica», specializzato in visualizzazione 3D e immagini generate al computer (CGI). Condivide spesso i lavori che realizza sui suoi canali social.

Conclusioni

L’eclissi mozzafiato ritratta in un video virale non è mai avvenuta (e non potrebbe mai avvenire), al contrario di quanto dichiarato nelle didascalie scritte dagli utenti. Si tratta di un video creato artificialmente dall’artista ucraino Aleksey Patrev.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: