Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Scozia è la prima nazione al mondo a garantire per legge assorbenti gratuiti negli edifici pubblici

Il Period Products Act è entrato in vigore oggi, 15 agosto

La Scozia è diventata la prima nazione al mondo a rendere obbligatoria la presenza di prodotti mestruali gratuiti nei luoghi pubblici. Il Period Products Act, entrato in vigore oggi, 15 agosto, ha confermato il Period Products (Free Provision) Bill, promulgato nel 2020, ma che allora non era stato convertito in legge dal parlamento scozzese. Da ora, chiunque avrà bisogno di prodotti mestruali nelle scuole e in altri edifici pubblici dovrà poterli ottenere gratuitamente. Il percorso che aveva già visto un importante passo avanti con il decreto del 2020 è in stato intrapreso da anni nella nazione più settentrionale del Regno Unito: dal 2017 sono stati spesi 27 milioni di sterline per garantire l’accesso gratuito ad assorbenti e tamponi.


Non si dovrà più scegliere tra pasta e assorbenti

«Mentre il carovita avanza» – ha dichiarato Monica Lennon, promotrice della legge nel parlamento scozzese – «il Period Products Act rappresenta un lume di speranza che mostra quello che si può ottenere quando la politica si unisce per il bene comune delle persone». Con la legge si punta a porre fine alla povertà mestruale. «C’è un modo semplice di descrivere la povertà mestruale» – spiega l’attivista Georgie Nicholson alla Bbc – «vai al supermercato e ti trovi a dover scegliere tra un pacco di pasta e uno di assorbenti». Secondo la stima dell’associazione Hey Girls, di cui Nicholson fa parte, nel Regno Unito una donna su quattro è stata vittima di povertà mestruale nel corso della propria vita. Il superamento di questo fenomeno è considerato un passo avanti verso la parità di genere. «Molte madri si mettono in contatto con noi quando decidono di rinunciare ai prodotti mestruali per poter portare qualcosa in tavola ai loro figli», continua Nicholson, «e si ritrovano a usare fogli di giornali avvolti nei calzini» e altre soluzioni di emergenza, «perché sono più economiche dei prodotti mestruali».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: