Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Spagna, incendio avvolge un treno e costringe i passeggeri a rompere i finestrini e fuggire. Almeno 20 feriti – Il video

È successo a Castellón, nel nord-est della Spagna. Tra le persone che avrebbero riportato le ustioni più gravi ci sarebbero una bimba di dieci anni e una donna di 58

Ben 20 passeggeri hanno riportato ustioni, tre sono attualmente definiti “gravi”, dopo essere saltati giù da un treno mentre questo veniva avvolto dalle fiamme di un incendio scoppiato a Castellón, nel nord-est della Spagna. Il convoglio, che viaggiava da Sagunto a Saragozza con 48 passeggeri a bordo, si è fermato mentre il macchinista si apprestava a fare retromarcia perché le fiamme avrebbero reso impossibile il proseguimento del viggio. A quel punto, riporta il Guardian, diversi passeggeri sono andati nel panico e, temendo di rimanere inghiottiti dal fuoco che avrebbe avvolto il treno, hanno rotto i finestrini e sono scappati. «Quando si sono accorti di essere circondati dal fuoco, sono risaliti sul treno e molti di loro avevano subito ustioni», ha riferito un portavoce della compagnia ferroviaria spagnola Renfe. Nel video girato da un passeggero si vedono le fiamme divampare a poca distanza dal treno, fin quasi a sovrastarlo.


La situazione dei feriti

Due delle persone che hanno riportato le ustioni più gravi sono state evacuate in elicottero, mentre altre, tra cui una ragazzina di circa dieci anni, sono state portate negli ospedali vicini. Secondo i servizi di emergenza, tra coloro che hanno subito le ustioni peggiori dopo la fuga dal treno ci sarebbe una donna di 58 anni.


La situazione degli incendi a Bejís e Vall d’Ebo

Intanto, il presidente della Generalitat Valenciana, Ximo Puig, ha detto che più di 1.000 persone sono state evacuate dalle loro case a causa dell’incendio a Bejís, a Valencia, dove dalle prime ore di stamattina 17 agosto i continui cambi di direzione del vento avrebbero costretto all’evacuazione anche i comuni di Torás, Teresa e Sacañet. «La situazione generata dai roghi a Bejís e Vall d’Ebo continua ad essere molto preoccupante», ha detto Puig, stando a quanto riportato dal sito La Vanguardia. La Comunità Valenciana è l’ennesima regione spagnola interessata dai gravi roghi boschivi collegati all caldo anomalo. Il solo incendio di Bejís ha già consumato 800 ettari di foresta, mentre quello nella Vall d’Ebo continua a bruciare senza controllo dopo aver raso al suolo 11.000 ettari di foresta.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: