Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Siccità e inondazioni minacciano il raccolto della Cina: rischi per le forniture globali – Le immagini

A preoccupare è il cruciale raccolto autunnale, il più importante dell’anno, di mais e riso

Il caldo record di quest’estate sta minacciando l’agricoltura in Cina, durante il periodo cruciale dell’anno per i raccolti. La siccità sta colpendo le aree centrali e sud occidentali della nazione e, inoltre, molte sono le inondazioni verificatesi nel nord-est. Molti i danni. Ora, in particolare, ad essere a rischio è un raccolto di grano da circa centinaia di milioni di tonnellate, la cui raccolta dovrebbe avvenire in gran parte in autunno. Una situazione che va ad aggravare le già intense pressioni sui prezzi dei prodotti. «Il raccolto autunnale rappresenta circa i tre quarti della produzione totale di grano e determinerà quindi se la Cina raggiungerà o meno il suo obiettivo di produzione di 650 milioni di tonnellate», ha spiegato Charles Hart, analista di materie prime, citato da Bloomberg. A lanciare l’allarme è lo stesso ministero dell’Agricoltura cinese che ha avvertito delle sfide che si dovranno affrontare per la produzione di grano. I raccolti più minacciati sono quelli di mais e riso. La produzione del primo potrebbe ridursi di circa 4,5 milioni di tonnellate, secondo un rapporto di Yongan Future Co. Le forniture globali, determinate in buona parte dalle esportazioni della Cina, sono quindi a rischio.


Le foto

Epa \ Alex Palavevski | Fiume Yangtze prosciugato, agosto 2022
EPA / Stringer | Persone che camminano sul fiume prosciugato di Yangtze, agosto 2022
Epa \ Alex Plavevski | Pesce morto sul fiume prosciugato di Yangtze, agosto 2022
Epa \ Un uomo trasposta una donna lungo una strada allagata dopo le inondazioni nella città di Zhengzhou, luglio 2021
EPA \ Stringer | Persone che camminano sul fiume prosciugato di Yangtze, agosto 2022

Continua a leggere su Open


Leggi anche: