Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

L’allarme di Calenda: «Due tsunami in arrivo, firmiamo un armistizio per affrontarli»

Il leader di Azione: serve un obbligo di legge del Gse. Bisogna anche sospendere i certificati Ets sulle emissioni di Co2

Il leader di Azione Carlo Calenda vede all’orizzonte «due tsunami che arrivano contemporaneamente: quello energetico e quello finanziario». E in un’intervista al Corriere della Sera ribadisce la sua proposta di una pace tra le forze politiche per affrontarli. «Sediamoci adesso attorno ad un tavolo firmando un armistizio, un time out, lo chiami come vuole». Per l’ex ministro «l’Europa è appena entrata in una crisi energetica senza precedenti. Dunque attaccano il Paese più esposto, l’Italia, perché sentono alcune forze politiche, in primis Fratelli d’Italia data in testa nei sondaggi, mettere in discussione persino aiuti per 200 miliardi agganciati al Pnrr derogando a riforme non più procrastinabili».


Lo scostamento di bilancio

Per questo il leader di Azione propone ai leader politici «un patto di responsabilità. Chiediamo un intervento a Draghi. Ma in cambio assumiamo un impegno sul rigassificatore di Piombino e una grande attenzione al debito cancellando dai programmi proposte irrealizzabili come la flat tax e quota 41 sulle pensioni che scasserebbero i conti pubblici». Sul fronte dell’energia, Calenda dice che «sarebbe meglio non fare un nuovo scostamento di bilancio. Ma mi rendo conto che i margini di manovra sono limitatissimi. Per dimezzare il costo delle bollette e aiutare le imprese serve sganciare il prezzo delle rinnovabili non contrattualizzate dal prezzo del gas. Serve un obbligo di legge del Gse. Bisogna anche sospendere i certificati Ets sulle emissioni di Co2 e mettere dieci miliardi su imprese e gasivore ed energivore».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: