Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Maltempo in Toscana, auto bloccate nel fango. Fiumi esondati a Siena dopo le piogge record: «Non succedeva da 50 anni» – Il video

Diversi gli interventi da questa notte dei Vigili del fuoco dopo i danni causati dalla pioggia record

Salvate dai vigili del fuoco dopo che la loro automobile è rimasta intrappolata nel fango. È successo la notte scorsa a Montaperti, in provincia di Siena, durante l’ondata di maltempo che ha colpito la regione e provocato l’esondazione di molti torrenti. Due vetture sono state investite dalla piena mentre percorrevano strade secondarie. Una donna è riuscita a uscire dalla macchina e a raggiungere un luogo sicuro in autonomia. Le persone all’interno della seconda vettura, invece, sono state portate in salvo dai vigili del fuoco speleo-fluviali. Sempre nel Senese, i pompieri hanno dovuto eseguire altri interventi per riparare i danni dell’acqua, soprattutto nei pressi di Colle Val d’Elsa e Poggibonsi. Sull’autopalio Siena-Firenze, all’altezza dell’uscita di Colle Sud, la carreggiata è stata ristretta per consentire la rimozione di un grosso albero. Le province più colpite dal maltempo della scorsa notte sono soprattutto Pisa, Livorno e Siena, dove il livello dei corsi d’acqua si è alzato in modo repentino. Il governatore Eugenio Giani, che ha seguito la situazione con la Protezione civile, ha segnalato che a Volterra sono caduti fino a 120 mm di pioggia in tre ore, a Monterotondo Marittimo (Grosseto) 170 mm di pioggia in meno di tre ore. «Dati – commenta Giani – che non si registravano da più di 50 anni». A Radicondoli (Siena) sono stati superati i 200mm di pioggia, mentre nella vallata parallela il livello del fiume Cecina, a Pomarance (Pisa), è passato in un’ora da zero a 4 metri. I temporali poi si sono spostati nella Toscana meridionale, mentre a Empoli (Firenze) la protezione civile ha vigilato a vista la piena del fiume Elsa, affluente dell’Arno.


Fonte video di copertina: Protezione Civile Regione Toscana


Continua a leggere su Open

Leggi anche: