Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Isola di Pasqua, un incendio divora il parco nazionale e colpisce i celebri monoliti. Il sindaco: «Non è stato un incidente»

Ariki Tepano, direttore della comunità Ma’u Henua incaricata della gestione e manutenzione del parco, ha descritto il danno come “irreparabile”

Un incendio boschivo che avrebbe colpito parte dell’Isola di Pasqua, danneggiando le statue in pietra simbolo del territorio, alcune in maniera irreversibile. A denunciarlo sono le autorità locali, che riferiscono come le fiamme avrebbero causato “danni irreparabili” al sito archeologico nel parco nazionale di Rapa Nui, a 3.500 km al largo della costa occidentale del Cile. «La carenza di volontari a livello nazionale rende sempre più complesso il controllo degli incendi che si sono generati negli ultimi giorni e che ieri ha finito per colpire uno dei principali siti archeologici», è la denuncia fatta dalle autorità sui social.


Carolina Perez, sottosegretario al patrimonio culturale, ha confermato il divampare delle fiamme sin da lunedì, offrendo al contempo sostegno in questo momento difficile al sindaco di Rapa Nui (nome indigeno dell’isola), Pedro Edmuns Paoa. Il quale non ritiene che l’incendio sia stato un «incidente»: «Tutti gli incendi a Rapa Nui sono causati da esseri umani», ha dichiarato all’emittente locale Radio Pauta.


Rapa Nui ha più di 1.000 statue di pietra, la maggior parte monoliti che ritraggono teste giganti. Si ritiene siano state scolpite per la prima volta nel XIII secolo dagli abitanti originari dell’isola. Secondo quanto riferito, l’area intorno al vulcano Rano Raraku, patrimonio mondiale dell’UNESCO, è stata la più colpita. Un incidente che arriva in un momento già delicato: l’economia dell’isola, con una media pre-pandemica di 160.000 visitatori all’anno, si basa infatti sul turismo, che ha riaperto i battenti appena tre mesi fa dopo la lunga chiusura a causa del Coronavirus. Adesso il sito è stato nuovamente chiuso, mentre un team di esperti sta valutando l’entità dei danni.

Foto in evienza: Municipalidad de Rapa Nui

Continua a leggere su Open

Leggi anche: