Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La scansione del retto che ha dovuto subire il campione di scacchi Hans Niemann, accusato di aver barato – Il video

All’arrivo ai campionati Usa è stato controllato più degli altri. A causa del sospetto di aver usato un vibratore per ricevere suggerimenti

Il 19enne Hans Niemann, grande maestro di scacchi statunitense, è al centro del ciclone. Il sospetto che sia un baro si è ormai insinuato all’interno della community di scacchi. Tanto che il 5 ottobre, al suo arrivo al primo round dei Campionati Usa di scacchi, in corso questa settimana a St. Louis (Missouri), è stato sottoposto a un controllo di sicurezza più approfondito rispetto agli altri giocatori. A immortalare il momento il livestream del St. Louis Chess Club: intorno al 21esimo minuto si vede Niemann mentre entra nell’arena della competizione e si lascia passare la bacchetta della sicurezza sul corpo, sia davanti che dietro. Ma i due giocatori che lo precedono, come quelli che seguono, vengono controllati solo sulla parte anteriore del corpo. La clip è diventata virale perché Niemann è stato accusato dal campione del mondo, il norvegese Magnus Carlsen, di aver usato delle palline anali vibranti o un massaggiatore prostatico via wireless per ricevere suggerimenti dal suo allenatore sulle mosse vincenti da fare durante la finale della Sinquefield Cup di settembre. Carlsen ha sempre sostenuto che la clamorosa vittoria di Niemann fosse frutto di un imbroglio, affermando che il suo rivale non era concentrato e che le sue «mosse sulla scacchiera erano insolite».


In un successivo incontro con lo statunitense, Carlsen ha abbandonato per protesta la partita dopo aver giocato una sola mossa. Lo stesso 5 ottobre la celebre piattaforma Chess.com, che già aveva espulso Niemann il 5 settembre, ha pubblicato un lungo rapporto a sostegno della tesi secondo la quale la stella statunitense degli scacchi avrebbe «probabilmente barato in più di 100 partite di scacchi online, inclusi diversi eventi a premi». Il 19enne ha sempre negato tutte le accuse e si è persino offerto di giocare nudo per dimostrare di non barare. Accusato oltre un mese fa da Carlsen, si era difeso ammettendo di aver barato soltanto due volte in passato, una a 12 anni anni e un’altra a 16, liquidando i due episodi come «errori di gioventù». Nel frattempo, mercoledì scorso Niemann ha vinto il suo primo turno di coppia nel campionato statunitense contro il quindicenne Christopher Yoo. «Questa partita è un messaggio per tutti», ha detto dopo. «Tutto è iniziato dicendo che gli scacchi parlano da soli e credo che questa partita abbia parlato da sola e abbia mostrato il giocatore di scacchi che sono. Ha anche dimostrato che non mi tirerò indietro e che giocherò i miei scacchi migliori qui, indipendentemente dalla pressione», ha detto ai giornalisti.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: