Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Il CEO Disney non è stato arrestato per traffico di esseri umani

Una vecchia bufala infamante ai danni di Bob Chapek ancora in circolazione, nata da un articolo satirico

Circolano numerose condivisioni dove i teorici del complotto accusano il Ceo Disney Bob Chapek di essere stato arrestato per traffico di minori, nell’ambito di una operazione della polizia della Florida denominata March Sadness 2. Ma la fonte principale sembra essere un articolo di Jason Pires, risalente al marzo scorso, per il Vancouver Times. Curioso che una cosa del genere non abbia avuto eco.

Per chi ha fretta:

  • È esistita realmente un’operazione della polizia americana che ha portato all’arresto di quattro dipendenti Disney, nell’ambito più vasto di 108 persone coinvolte.
  • L’unica fonte dove il Ceo Disney risulta arrestato per traffico di minori è una testata dichiaratamente satirica: il Vancouver Times.
  • Non risulta coinvolto nessun dirigente Disney.

Analisi

Il problema di cui chi ha condiviso queste accuse non ha tenuto conto è che la fonte principale, ovvero il Vancouver Times, si definisce «la fonte più affidabile per la satira sulla costa occidentale». Lo stesso articolo in oggetto riporta un aggiornamento, dove ribadisce la falsità dell’intera narrazione:

I fact-checker si sono affrettati a “sfatare” questa storia, nonostante questo articolo sia chiaramente satirico. Per ridurre la confusione, abbiamo contrassegnato chiaramente questo articolo due volte in alto e ancora una volta in basso. Se c’è ancora confusione, controllate la sezione Chi siamo.

La nota riporta un articolo dei colleghi di Snopes, i quali evidentemente sono dovuti intervenire, perché l’articolo veniva già preso per reale negli ambienti cospirazionisti.

Un collage tra fatto di cronaca e distorsione satirica

A fare confusione il fatto che è esistita realmente l’operazione di polizia citata. Oltre cento persone sono state realmente arrestate per traffico di minori. Di queste quattro erano dipendenti della Disney. Le condivisioni nostrane – emule degli ambienti complottisti americani -, riportano parte di un testo della Cbs news, dove però il Ceo Disney non viene mai menzionato, né altri dirigenti dell’Azienda:

Le autorità hanno arrestato 108 persone, inclusi presunti predatori sessuali di bambini e coloro che cercano prostitute, in un’operazione sotto copertura di traffico di esseri umani in Florida di sei giorni. Tra coloro che sono stati presi in custodia c’erano quattro dipendenti Disney e un giudice in pensione, ha detto la polizia.

A questo punto viene innestata la narrazione satirica, che nell’articolo della Cbs non è presente, infatti si cita il Vancouver Times come fonte:

The CEO of Disney, Bob Chapek, has been arrested for human trafficking at his home in Southern California. He was promptly released, without bail, with a promise to return to court. Chapek faces multiple felony charges, including trafficking a child across state lines, and possession of child pornography.

Un fatto di cronaca reale è stato “fuso” con la narrazione falsa, privando il tutto dall’originale contesto satirico.

Il fatto di cronaca riguardava per altro dei dipendenti probabilmente impiegati nel catering aziendale. Nessuno dei dirigenti Disney risulta coinvolto. Del caso si sono occupati in un articolo anche i colleghi di Facta.

I quattro dipendenti Disney che sono stati arrestati lavoravano nell’IT per la Disney o in uno dei ristoranti dell’azienda – spiega Snopes -. Nessun dipendente di alto livello (come l’amministratore delegato dell’azienda) è stato arrestato.

Conclusioni

Nessuna fonte giornalistica certifica che il Ceo Disney Bob Chapek sia stato arrestato per traffico di esseri umani, tanto meno altri dirigenti dell’Azienda. A essere coinvolti sarebbero 108 persone, di cui 4 risultano essere stati dei dipendenti della Società, forse impiegati nel catering.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: