Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Iran, i manifestanti danno alle fiamme la casa natale dell’Ayatollah Khomeini – Il video

L’edificio sarebbe stato preso di mira con diverse bottiglie molotov

Dopo settimane di proteste sempre più intense contro il regime iraniano a seguito della morte in carcere di Mahsa Amini, la rivolta popolare in Iran alza il tiro e punta al bersaglio politico più alto. Nella notte, i manifestanti avrebbero dato alle fiamme la casa natale dell’ex leader supremo del paese e fondatore del regime, l’Ayatollah Ruhollah Khomeini. Lo si vede in alcuni video che stanno circolando in queste ore sui social media, e confermati dall’agenzia stampa iraniana. L’edificio, trasformato in museo dedicato al padre della rivoluzione iraniana, è stato preso di mira dai cittadini iraniani con diverse bottiglie molotov. Nei giorni scorsi la magistratura aveva emesso le prime condanne a morte per le proteste che attraversano il paese. L’accusa rivolta a uno dei condannati dalla giustizia di Teheran è stata quella di aver «terrorizzato le persone per strada usando un coltello, dato fuoco alla moto di un cittadino e aggredito un individuo con un coltello». Domenica scorsa la stessa pena era stata inflitta a un uomo accusato di «aver appiccato il fuoco a un edificio governativo, di aver disturbato l’ordine pubblico, di essersi riunito e di aver cospirato per commettere un crimine contro la sicurezza nazionale e di essere nemico di Dio e della corruzione sulla terra». Ma nonostante la dura repressione, le proteste contro il regime di Teheran continuano in tutto il Paese e puntano ora al bersaglio più alto.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: