Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

iPantellas, Jacopo Malnati pestato e rapinato a Varese. Lo youtuber: «Mi hanno puntato la pistola alla tempia»

Il 32enne è stato aggredito giovedì sera a Varese: «Mancava pochissimo che morissi. Ora sto bene, anche se non sembra»

Sta bene Jacopo Malnati, «anche se non sembra» scrive su Instagram il membro del duo comico «iPantellas», che giovedì sera è stato aggredito a Varese appena entrato in auto. Prima la minaccia e poi la pistola puntata «alla tempia» per tentare la rapina, ha raccontato su Instagram il 32enne diventato famoso su YouTube. I due malintenzionati non sono riusciti a portare a termine il colpo, proprio per la reazione di Malnati. Intorno alle 22.30, il ragazzo stava rincasando da una cena con parenti nella periferia Nord di Varese, quando è stato aggredito. «Ho subito una rapina e un tentato omicidio da due ragazzi mentre ero appena salito in macchina – ha raccontato nelle sue storie Instagram – Mi hanno puntato la pistola alla tempia e hanno provato ad uccidermi, strangolandomi per derubarmi, io ho combattuto con tutte le forze e sono riuscito a suonare ripetutamente il clacson per attirare l’attenzione, poi con la pistola mi hanno colpito al viso per poi fuggire. Mi spiace vivere in un mondo così». Malnati lancia un appello ai suoi aggressori: «Spero che i due ragazzi rifletteranno a lungo su quello che hanno fatto perché se fossi morto (e vi assicuro che mancava davvero pochissimo) si sarebbero devastate anche le loro vite».


Le indagini

Fortunatamente il giovane è riuscito ad attirare l’attenzione dei presenti. La polizia è sopraggiunta per iniziare i rilievi, mentre lui veniva portato in pronto soccorso. Come raccontano anche le foto condivise su Instagram, erano evidenti i segni delle percosse sul volto, il naso emaciato, gli occhi neri e le labbra gonfie. Le indagini sono già iniziate. Al lavoro la squadra Mobile, coordinata dal vicequestore Silvia Elena Passoni. L’ipotesi di reato è di tentata rapina aggravata e lesioni personali. Nella zona dell’attacco non ci sono telecamere di sorveglianza. Al momento, Malnati non se la sente di parlare, ma «cercherò di dare aggiornamenti non appena mi sentirò un po’ più in forma», scrive.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: