Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La svolta della polizia di San Francisco: agenti robot per arrestare o uccidere malviventi

La proposta in esame al dipartimento di polizia della città californiana. La loro forza letale sarebbe utilizzata solo in circostanze rare ed eccezionali

Il dipartimento di polizia di San Francisco, in California, ha proposto di equipaggiare robot con «forza letale» per disinnescare ordigni esplosivi, ma non solo. Attualmente, questi dispositivi vengono utilizzati per l’ispezione di aree o per lo smaltimento di bombe. L’idea ora è di sfruttarli anche per «addestramenti e simulazioni, arresti criminali, incidenti critici, circostanze urgenti, esecuzione di un mandato o durante valutazioni di dispositivi sospetti». La proposta del dipartimento prevede di rafforzare l’utilizzo della loro attuale collezione di robot: sono 17 in totale, ma al momento ben 12 non sono operativi. A colpire è la capacità di questi robot di poter uccidere persone, ma quest’operazione verrà effettuata solo nel caso in cui «il rischio di perdita di vite umane per membri del pubblico o ufficiali è imminente e supera qualsiasi altra opzione di forza disponibile». Un’opzione che verrà presa in considerazione quindi solo in circostanze «rare ed eccezionali».


I prossimi passi e il dibattito

Una prima versione del documento è stata approvata dal comitato delle regole del consiglio di vigilanza del dipartimento, riferisce il Guardian, ma si attende che la decisione del consiglio al completo per la prossima settimana. Secondo quanto riporta Agenzia Nova, la conversione dei robot per l’eliminazione delle bombe in sistemi di supporto al fuoco non è una novità per gli Stati Uniti: alcuni dipartimenti hanno già dotato i robot di sistemi che gli permettono di far esplodere i proiettili dei fucili. La proposta del dipartimento di San Francisco si inserisce in un dibattito acceso negli States che divide chi è concorde e chi no all’idea di ideare dei «robot poliziotti» in grado di uccidere esseri umani o basati sull’intelligenza artificiale per la sorveglianza degli spazi pubblici.


Foto di copertina: Robot anti bombe Remotec Andros F6A – EPA/Damian Berg

Continua a leggere su Open

Leggi anche: