Sassari, fiamme e spari per l’assalto al portavalori: ferita una ragazza e due guardie giurate – Il video

Il commando, che si stima tra le sei e le dieci persone, ha cosparso la strada di chiodi per frenare il furgone per poi aprire il fuoco

È rimasta ferita anche una ragazza assieme a due guardie giurate durante l’assalto a un furgone portavalori avvenuto questa mattina sulla statale 131 Carlo Felice in provincia di Sassari. Il commando, che si stima tra le sei e le dieci persone, ha aperto il fuoco dopo aver bloccato la carreggiata in entrambe le direzioni, tra gli svincoli di Thiesi e Giave, con una tecnica ormai collaudata: il furgone è stato bloccato dopo che i banditi hanno cosparso l’asfalto in direzione Cagliari di chiodi. Sulla strada era stato poi piazzato un furgone e un’utilitaria, che sono stati dati alle fiamme. I tre feriti – la ragazza e le due guardie Mondialpol – sono stati trasportati all’Ospedale di Sassari e le loro condizioni non sarebbero gravi. Poche ore dopo l’assalto in strada, la forze dell’ordine hanno ritrovato nella zona di Badde Salighes, in provincia di Nuoro, i due mezzi usati dai banditi per sbarrare la carreggiata: sia il furgone che l’utilitaria erano carbonizzati. Non si hanno stime precise del denaro presente nel furgone portavalori, ma, stando alle prime ricostruzioni, il bottino della rapina sarebbe stato piuttosto esiguo. In un video, girato da un automobilista di passaggio, si vede la rapina in diretta. Nel filmato si vedono gli assalitori bloccare la carreggiata e aprire il fuoco contro le guardie giurate. Dietro la colonna di fumo, ancora visibile a chilometri di distanza, si intravedono anche le sagome di alcuni rapinatori. Intanto, i carabinieri del comando provinciale di Sassari hanno fatto scattare la caccia all’uomo. Nella speranza di intercettare i fuggitivi, le forze dell’ordine hanno istituito numerosi posti di blocco sulle principali arterie stradali. Alle operazioni di ricerca stanno partecipando anche alcuni elicotteri.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: