La critica di Macron a Biden: «I sussidi all’industria Usa uccideranno posti di lavoro in Europa»

Il presidente della Francia critica l’Inflation Reduction Act del presidente Usa

«Diamo il benvenuto agli amici arrivati in città». Così in un tweet il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha salutato Emmanuel Macron in visita a Washington. Con loro la premiere dame Brigitte e la first lady Jill. Le due coppie presidenziali sono immortalate al termine di una cena informale nel ristorante italiano “Fiola Mare” a Georgetown, elegante quartiere della Capitale. I due presidenti – da un lato del tavolo – sono intenti a consumare il dessert, mentre le signore – dall’altro – sorridono. Non appena arrivato a Washington Macron ha ribadito che l’alleanza tra Stati Uniti e Francia «è più forte di tutto». Ma ha anche criticato l’Inflation Reduction Act varato dall’amministrazione Biden. Sostenendo che le politiche di stimolo Usa «uccideranno molti posti di lavoro in Europa» se non saranno coordinate a livello globale.


L’Inflation Reduction Act

Macron ha parlato senza mezzi termini di politiche «super aggressive» durante l’intervento al Congresso federale degli Stati Uniti. Riferendosi agli incentivi della Casa Bianca ai costruttori di auto statunitensi, giustificate con l’esigenza di contrastare il cambiamento climatico, il presidente ha detto che i sussidi sono avvertiti come un problema anche da altri paesi dell’Unione Europea. «Forse potranno risolvere i vostri problemi, ma aggravano i miei», ha detto. Parlando del rischio di «uccidere posti di lavoro» nel Vecchio Continente. La portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha dichiarato che la Casa Bianca ha preso nota delle problematiche sollevate da Macron ed è «pronta a discutere la questione». Il programma di sostegno alla transizione energetica voluto da Biden concede generose sovvenzioni a veicoli elettrici, batterie o energie rinnovabili a condizione che siano prodotti sul territorio americano. «Mettetevi nei miei panni», ha affermato il presidente francese. «Nessuno mi ha contattato quando l’Inflation Reduction Act era in trattativa», ha continuato, chiedendo di essere «rispettato come un buon amico».


Perché gli incentivi di Biden preoccupano Macron

UsaToday spiega che il punto contestato da Macron è l’Inflation Reduction Act di Biden, che l’amministrazione sta lanciando dopo l’approvazione del Congresso. La legge sul clima firmata da Biden prevede lo stanziamento di 369 miliardi di dollari per affrontare il cambiamento climatico. Tra questi ci sono miliardi di incentivi per incoraggiare le aziende statunitensi a costruire veicoli elettrici, batterie, pannelli solari e turbine eoliche. La Francia e altre nazioni dell’Unione Europea hanno espresso la preoccupazione che le politiche incentrate sul mercato interno possano escludere le aziende europee dal mercato dell’energia verde degli Stati Uniti. «Penso che questo non sia in linea con le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio e con l’amicizia tra i paesi», ​​ha detto Macron. Il disaccordo rischia di scatenare una guerra commerciale. Specialmente se l’UE dovesse adottare politiche simili a sostegno delle imprese europee.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: