La rivelazione di Politico: l’Ucraina ha colpito la Russia con droni sovietici modificati

La testata conferma i sospetti grazie a due fonti vicine all’operazione. Negli attacchi di lunedì sono morti tre militari russi

L’Ucraina ha usato due droni dell’era sovietica per colpire due avamposti russi situati centinaia di chilometri oltre confine. Politico, che ne dà conferma, definisce quella di Kiev «una mortale nuova capacità per un Paese che finora si è affidato principalmente alle armi importate per fare breccia tra le linee russe». Gli attacchi sono avvenuti lunedì. Ad essere colpita è stata la base aerea di Engels, sul fiume Volga, ad oltre 600 chilometri dal confine ucraino. Hanno perso la vita tre soldati russi e sono stati danneggiati due aerei. Mosca aveva parlato dell’attacco nel corso della settimana, ma non aveva menzionato la sua natura. I due velivoli usati nell’attacco, secondo due fonti anonime vicine all’operazione, sono dei Tu-141. Un modello che veniva utilizzato era sovietica principalmente per operazioni di sorveglianza. La testata tedesca evidenza la capacità di innovarsi dell’esercito ucraino, contrapposto a quello russo, che in questi mesi ha acquistato droni relativamente economici dall’Iran.


«La terra è tonda e quello che vola torna indietro»

Gli attacchi, che mai si erano spinti così in là nell’entroterra russo, arrivano dopo che Kiev aveva più volte chiesto ai Paesi occidentali di ottenere de missili a lungo raggio. Gli Usa e l’Ue, però, si sono finora limitati ad altre armi. Ora l’Ucraina ha la possibilità di colpire la Russia anche nelle proprie infrastrutture civili, e per questo la tensione potrebbe salire. Tuttavia, informa una delle due fonti, Mosca potrebbe facilmente riuscire a tracciare i droni se si trattasse dell’unico tipo di arma aerea a lungo raggio usata dall’Ucraina. L’Ucraina non ha ufficialmente rivendicato gli attacchi. Tuttavia, il consigliere del presidente Mykhailo Podolyak, ha twittato dopo gli attacchi. Non si tratta della prima volta che l’Ucraina usa vecchie armi modificate per colpire i suoi obiettivi. Era già successo quando i missili Neptune hanno colpito la nave Moskva.


In copertina: WIKIMEDIA / Commons: Droni sovietici Tu-141

Continua a leggere su Open

Leggi anche: