Caos in Perù, 4 giovani italiane sono bloccate su un bus da oltre 24 ore: «Siamo senza soldi, cibo e acqua» – I video

Si tratta di Giulia Opizzi, Martina Meoni, Federica e Lorenza Zani: l’ambasciata italiana è in contatto con la polizia locale

Quattro italiane si trovano bloccate da oltre 24 ore su un autobus assieme ad altri passeggeri cileni, americani, colombiani, argentini, giapponesi e olandesi. La destinazione doveva essere la Bolivia. Il mezzo era partito dal Perù e, al momento, si trova fermo nel villaggio di Checacupe a causa di una protesta politica avvenuta dopo il tentato golpe. C’è una fila di diversi chilometri di mezzi incolonnati. Le italiane Giulia Opizzi, Martina Meoni, Federica e Lorenza Zani, sono tutte giovani, tra i 21 e i 33 anni. Tre sono romagnole e una di Firenze. La 21enne è una giovane turista cesenaticense che sul suo account Instagram sta denunciando la situazione e ha lanciato un appello: «Siamo senza soldi, senza acqua, senza riuscire a contattare i famigliari, senza servizi igienici. Il dialogo con i manifestanti sembra impossibile nonostante i vari tentativi». E ha aggiunto: «La nuova prima ministra non intende ascoltare il popolo e non è a conoscenza della situazione attuale fuori dalle città».


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Giuliaopizzi (@giuliaopizzi)


L’ambasciata inizia a muoversi

La giovane sta chiedendo nelle storie di condividere il suo appello, e sta riportando le condizioni in cui si trovano. In una di queste ha mostrato le condizioni igieniche del bagno, pieno di carta igienica e sporco. Intanto, il comune di Cotignola (Ravenna) si è attivato con l’ambasciata italiana del luogo. E fonti diplomatiche riferiscono che i diplomatici a Lima si sarebbero già attivati e sono in contatto con la polizia del posto. Il Paese è nel caos dopo che una settimana fa c’è stato un colpo di stato interno da parte dell’ex ministro Castillio che ha sciolto il congresso. Sono così scoppiate le manifestazioni in tutto il Paese. «C’è gente che non ha più soldi per mangiare, persone che non riescono a tornare a casa, a prendere un aereo perché cancellati», ha raccontato la 21enne.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: