Kenya, arrestato un fotografo per l’omicidio dell’attivista Lgbtq+ Chiloba, trovato morto in una scatola di metallo

Chiloba era considerato uno dei leader della comunità Lgbtq+ nel Paese dove l’omosessualità è un reato per cui si rischiano fino a 14 anni di carcere. L’ultima volta che è stato visto vivo risale al 31 dicembre

Un fotografo 24enne è stato arrestato ieri dalla polizia keniota perché sospettato di essere coinvolto nell’omicidio del modello e attivista per i diritti della comunità Lgbtq+ Edwin Chiloba. Il ragazzo venticinquenne è stato visto vivo per l’ultima volta il 31 dicembre, mentre aspettava il 2023 cantando in un noto locale di Eldoret, città vicina al confine con l’Uganda. Pare che in seguito Chiloba abbia lasciato il locale per recarsi a una festa in casa, senza che si sapesse l’indirizzo preciso. Due giorni dopo, il suo corpo in decomposizione è stato ritrovato in una scatola di metallo lungo una arteria stradale fuori dalla città. Un motociclista afferma di aver visto la scatola cadere da un veicolo senza targa. Le autorità keniote hanno fatto sapere al Daily Nation che il fotografo arrestato è stato visto arrivare nel sobborgo di Eldoret noto come Kimumu assieme a Chiloba l’1 gennaio. In seguito, riferisce la polizia, ci sarebbe stato un tafferuglio nell’abitazione che potrebbe essere la causa della morte dell’attivista. A sollevare sospetto intorno alla figura del fotografo sono dei testimoni oculari che affermano di «averlo visto caricare una scatola di metallo all’interno di un veicolo». Ad ogni modo, le ricerche della polizia non si fermano.


La discriminazione della comunità Lgbtq+ in Kenya

Suoi suoi profili social Edwin Chiloba appare spesso vestito con abiti femminili, e l’attivista non faceva mistero del proprio orientamento sessuale. «Sii impavido, sii fiero, sii te stesso» si legge nella descrizione di uno dei suoi post su Instagram dove il modello indossa un crop top e dei pantaloni dai colori sgargianti. Coraggio e fierezza che servono alla comunità lgbtq+ keniota. Nel Paese, infatti il sesso tra due uomini è considerato un reato punibile con fino a 14 anni di carcere. Non esistono leggi contro altri orientamenti sessuali, ma questi non sono nemmeno protetti nella costituzione. La discriminazione nei confronti della comunità arcobaleno è molto forte in Kenya.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: