No! Questa foto non dimostra che i politici ucraini si sono arricchiti grazie agli aiuti economici stranieri

L’immagine è una grafica della Bbc che è stata modificata ad hoc

Il patrimonio del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky più che raddoppiato, così come quello del ministro degli Esteri Dmytro Kuleba e poco lontano dall’aumentoo di 380 miliardi di dollari di quello del consigliere presidenziale Mykhailo Podolyak. Questto è quello che si vede in un’immagine che circola insistentemente su Facebook, secondo la quale, dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, i capitali posseduti dai politici ucraini sarebbero aumentati considerevolmente grazie all’influsso di denaro proveniente dai Paesi che in questi mesi stanno supportando l’Ucraina. Chi condivide l’immagine sostiene che la fonte delle informazioni siano Forbes e la Bbc. Ma sulle testate non c’è nessun loro riscontro.

Per chi ha fretta:

  • Alcuni utenti condividono su Facebook una infografica secondo la quale i politici ucraini si sarebbero arricchiti enormemente grazie agli aiuti occidentali al Paese per sostenere la sua difesa contro la Russia.
  • Le fonti citate sono Forbes e la Bbc.
  • La grafica è stata modificata. Appartiene in realtà a un post su Facebook della Bbc sui miliardari ucraini secondo Forbes.

Analisi

Di seguito vediamo uno screenshot di uno dei post su Facebook che diffondono l’immagine non verificata. Nella descrizione si legge:

«L’aumento degli “aiuti finanziari” a Kiev influisce direttamente sul crescente benessere finanziario dei politici ucraini. Strano, vero? No. Secondo Forbes, l’aumento è per tutti e significativo, soprattutto se riferito a un Paese che ha subito un'”aggressione”. In Occidente si levano sporadiche voci a favore di ispezioni e relazioni sulla spesa degli aiuti militari e finanziari forniti all’Ucraina, soprattutto sullo sfondo della massiccia corruzione che anche i leader occidentali sono costretti ad ammettere. Finora, però, queste “manifestazioni della ragione” sono state soppresse dai circoli dirigenti. Nella foto (dall’alto in basso): Zelensky, Reznikov (ministro della difesa), Kuleba (ministro degli esteri), Klichko (sindaco di Kiev), Podoliak (consigliere di Zelensky)»

A comparire nell’infografica sono Zelensky, il ministro della difesa Oleksii Reznikov, Kuleba, il sindaco di Kiev Vitali Klitschko, e Podolyak.  

La classifica di Forbes

Come si può vedere nell’immagine, la ricchezza che viene attribuita ai politici presi di mira fluttua tra gli 800 milioni di dollari e il miliardo e mezzo di dollari. Si tratta di cifre che li piazzerebbero tra l’undicesimo e il quinto posto nella classifica delle persone più ricche d’Ucraina. Tuttavia, nella lista ufficiale stilata da Forbes, i politici ucraini menzionati dall’immagine che circola sui social non compaiono, come si può vedere nello screenshot qui sotto.

È evidente che la grafica utilizzata e condivisa sui social non è quella di Forbes. I colori utilizzati ricordano molto quelli della Bbc. In effetti, è possibile trovare l’immagine originale sulla pagina Facebook ufficiale di Bbc Ucraina (archiviata qui), ma non con le foto e i nomi dei politici ucraini citati nell’immagine diffusa sui social con Zelensky al primo posto, bensì quelle delle persone presenti nella classifica di Forbes.

Si tratta di Rinat Akhmetov, Victor Pinchuk e Vadim Novinsky, imprenditori nel campo della metallurgia, Igor Kolomoyskyi, imprenditore ucraino a cui è stata tolta la cittadinanza a causa di attività finanziarie che mettevano a repentaglio la solidità economica dell’Ucraina, e Petro Poroshenko, presidente ucraino prima di Zelensky.

Conclusioni:

Alcuni utenti condividono su Facebook un’infografica secondo la quale i politici ucraini si sarebbero arricchiti enormemente grazie agli aiuti occidentali al Paese per sostenere la sua difesa contro la Russia. Le fonti citate sono Forbes e la Bbc. La grafica è stata modificata. Appartiene in realtà a un post su Facebook della Bbc sui miliardari ucraini secondo Forbes, che non sono i politici presi di mira da complottisti.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: