SPORT CalcioDAZNSerie ATvWeb

Serie A, le contromosse di Dazn dopo i disservizi: rimborso diretto ai clienti e un centro di controllo in Italia

Gli impegni della società dopo il vertice con i ministri Urse e Abodi. Governo soddisfatto.

Dazn si assume la responsabilità dei disservizi nuovamente avvenuti nell’ultima giornata di campionato, e s’impegna a rimborsare direttamente i clienti danneggiati. È questo l’esito dell’incontro avvenuto oggi – martedì 10 gennaio – trai i vertici della società e il governo, rappresentato dai ministri delle Imprese e Made in Italy Adolfo Urso e dello Sport Andrea Abodi, cui hanno partecipato anche il presidente e l’Ad della Lega Serie A Lorenzo Casini e Luigi De Siervo, e il presidente dell’AgCom Giacomo Lasorella. Una mossa attesa da molti dopo i disservizi nella ricezione di Inter-Napoli, posticipo di lusso della prima giornata di Serie A del 2023 dopo la lunga pausa per i Mondiali in Qatar. «Su richiesta di tutte le istituzioni presenti – sottolineano i vertici dell’azienda in una nota – Dazn si attiverà, senza attendere la richiesta degli utenti, per corrispondere automaticamente a tutti gli impattati un quarto dell’abbonamento mensile». L’indennizzo, che potrà essere richiesto già a partire da questa settimana e fino all’inizio di febbraio, avverrà «attraverso un accredito dell’importo secondo le modalità di pagamento prescelte da ciascun cliente oppure mediante rilascio di un voucher». Soddisfatto il ministro Urso, promotore dei colloqui tra le parti, secondo cui tre obiettivi sono stati raggiunti: «Innanzitutto, come è giusto che fosse, l’indennizzo automatico per tutti coloro che hanno subito il disservizio. Il secondo è lo spostamento della centrale di monitoraggio e di controllo del rischio direttamente in Italia dalla sede madre di Londra. Infine, un’assicurazione che ci sia un’accelerata degli investimenti sulla tecnologia per evitare il riproporsi di questi disservizi», conclude.


Un centro operativo per monitorare la qualità del servizio

Nell’incontro, definito dal presidente della Serie A Lorenzo Casini «utile e fruttuoso», Dazn ha infatti confermato ulteriori impegni per migliorare il servizio in futuro. Tra questi, la creazione di un centro operativo in Italia dove sarà trasferita «al team locale la responsabilità del monitoraggio della qualità del servizio e dell’instradamento del traffico dei clienti». Nel giorno dell’inizio del campionato italiano, il 5 gennaio scorso, la società in una nota era tornata a scusarsi con gli abbonati, dopo le durissime polemiche scatenate sui social dei tanti che avevano lamentato di non riuscire a seguire le partite. Problemi, però, – a detta di Dazn – derivanti «da una terza parte», cioè un «partner esterno globale, incaricato di gestire la distribuzione del traffico sui server (Con) utilizzati da Dazn». Tuttavia, l’azienda in quell’occasione si era già pronunciata a favore del risarcimento nei confronti dei clienti «impattati» dal disservizio. 


Foto copertina: ANSA/TWITTER MIMIT | Un momento dell’incontro al ministero delle Imprese e del Made in Italy – Roma, 10 gennaio 2023.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: