«Inside Out 2» sbanca i botteghini al debutto negli Usa. Di cosa parla e quando esce in Italia

Il sequel del film d’animazione del 2015 di Pixar e Disney è già nelle sale di 38 Paesi. Con risultati record per il 2024

Anticipato da una massiccia campagna pubblicitaria, ma accolto pure da critiche positive, Inside Out 2 è arrivato questo finesettimana nei cinema di Stati Unita e Canada. E a regalato a Pixar e Disney il miglior debutto in sala di una pellicola del 2024: 155 milioni di dollari la raccolta al botteghino, di cui 56 solo venerdì. Protagonista del film d’animazione, sequel del grande successo del 2015, è sempre Riley, la bimba fattasi ormai adolescente preda – come tutti – di un caleidoscopio di emozioni contrastanti. Riley è cresciuta dunque, e con lei pure il suo apparato “sensoriale”. E così, alle cinque litigiose emozioni che si contendono le attenzioni della ragazzina – Gioia, Tristezza, Rabbia, Paura e Disgusto – se ne aggiunge una nuova e inattesa: Ansia. E, suggerisce la Disney nella presentazione del nuovo cartone, sembra che non sia sola. Oltre a Usa e Canada, la pellicola diretta da Kelsey Mann è già uscita pure in altri 38 Paesi del mondo. Per vederlo in Italia bisognerà aspettare ancora una manciata di giorni: sarà in sala infatti da mercoledì 19 giugno. Nel frattempo il “bottino” mondiale già incassato si aggira attorno ai 300 milioni di dollari. Dando una scossa a un settore che, a dire il vero, non se la passava benissimo negli ultimi mesi. In America l’ultimo titolo a superare le nove cifre di incasso nel weekend di debutto era stato il colossale Barbie, che a luglio portò subito a casa 162 milioni di dollari.


Leggi anche: