«Lino Banfi patrimonio dell’Unesco»: le reazioni all’annuncio di Di Maio

Durante la presentazione del reddito di cittadinanza, Luigi Di Maio ha invitato l’attore sul palco annunciando la sua nomina a rappresentante del Governo all’Unesco. Salvini: «E Jerry Calà, Renato Pozzetto, Umberto Smaila?»

«Abbiamo fatto Lino Banfi patrimonio dell’Unesco»,ha scherzato Luigi Di Maiodurante la convention M5s sul reddito di cittadinanza. L’attore è stato nominato rappresentantedel governo italiano all’interno dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura.«Le commissioni sono fatte con persone plurilaureate, ma io voglio portare un sorriso ovunque. Il mio sogno è di vedere sorridere anche mentre si fa politica», ha detto Banfi.

Ovviamente non sono tardatele reazioni del web. C’è chi ha subito rimandato al personaggio cult interpretato dall’attore pugliese, l’allenatore nel pallone Oronzo Canà e alla sua tattica del 5-5-5.

https://twitter.com/statuses/1087670246012538880

«Ah ma non è Lercio», commenta qualcuno, invocando l’intervento del sito satirico Lercio.

https://twitter.com/statuses/1087668959531487232

Su Facebook c’è chi haparagonato l’attore a Banksy, il disegnatore la cui identità è tuttora sconosciuta.

Quanti like per il nuovo commisserio Unesco?#linobanksy #unesco #redditodicittadinanza

Posted by Lino Banksy on Tuesday, January 22, 2019

E se l’attore comico è stato scelto per l’Unesco,perchè non convocareMassimo Boldi all’ONU?

https://twitter.com/statuses/1087668870696054785

Non ci sarà una DeLorean a farci viaggiare nel tempo come per il protagonista di Ritorno al Futuro, ma alla notizia di Banfiall’Unesco c’è chi potrebbe reagire come DOC.

https://twitter.com/statuses/1087683717903118337

Anche il vicepremier Matteo Salvini in una diretta Facebook ha commentato l’annuncio di Di Maio:«Lino Banfi ambasciatore all’Unesco? Va bene ? E Jerry Calà, Renato Pozzetto, Umberto Smaila? Scherzi a parte, sorridiamo che l’Italia è così bella che chiunque la può rappresentare e difendere».

Leggi anche: