Anno da record per gli Uffizi: nel 2018 boom di visitatori e incassi

Nel 250esimo anniversario di apertura al pubblico, il complesso museale registra un nuovo record: oltre 4 milioni di visitatori e più di 34 milioni di euro di incassi, che secondo il direttore Eike Schmidt hanno «generato un record di attività scientifica, tutela e promozione culturale e sociale»

Le Gallerie degli Uffizi di Firenze continuano a crescere. Nel duecentocinquantesimo anniversario di apertura al pubblico, il complesso museale che comprende Gallerie degli Uffizi, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli registra nuovi numeri da record: oltre 4 milioni di visitatori (con un aumento del 6% rispetto al 2017) e oltre 34 milioni di incassi, aumentati del 50,5%.

A colpire sono soprattutto i dati singoli: Palazzo Pitti e Giardini di Boboli hanno rispettivamente totalizzato, rispetto al 2017, un +25% (per un totale di 734.571 visitatori) e un +9% (per un complessivo di 1.187.616 visitatori). Le Gallerie hanno invece registrato una lieve flessione (-0,20%), ospitando comunque 2.230.914 turisti.

Anno da record per gli Uffizi: nel 2018 boom di visitatori e incassi foto 1
Il direttore degli Uffizi Eike Schmidt. Foto: ANSA

Questo calo è in parte dovuto alla nuova tariffazione voluta dal direttore Eike Schmidt che ha alleggerito i flussi durante l’alta stagione per ottimizzare l’esperienza della visita: «Si iniziano a vedere i primi frutti della nostra operazione di destagionalizzazione dei flussi turistici, tesa a ridurre i picchi di presenze tipici di primavera estate e a portare in museo più persone nei mesi più freddi dell’anno. Con una serie di misure mirate, abbiamo raggiunto l’obiettivo di alleggerire gli Uffizi attirando più visitatori a Palazzo Pitti e al Giardino di Boboli», ha commentato.

Anno da record per gli Uffizi: nel 2018 boom di visitatori e incassi foto 4
I prezzi dei biglietti degli Uffizi. Foto: uffizi.it

La crescita si registra anche negli incassi, più che raddoppiati dal 2014 (+112%). Parte degli introiti sono stati incanalati in attività di ricerca e studio, che hanno consentito di pubblicare 25 nuovi volumi e numerose pubblicazioni specialistiche, nonché nella creazione di 16mila 900 nuove schede di approfondimento delle opere, che si aggiungono alle precedenti presenti negli archivi delle Gallerie.

Anno da record per gli Uffizi: nel 2018 boom di visitatori e incassi foto 2
Giardino di Boboli. Foto: ANSA

Parte degli incassi è stata destinata ad attività educative per i giovani. Sono stati 1.200 gli studenti che hanno svolto il progetto di alternanza scuola-lavoro presso le Gallerie. I ricavi sono stati investiti anche nella creazione di 94 posti di lavoro (tra cui tecnici, custodi e giardinieri) e nell’acquisto di nuove 64 nuove opere che entrano a far parte della collezione permanente del museo.

Anno da record per gli Uffizi: nel 2018 boom di visitatori e incassi foto 3
Palazzo Pitti. Foto: Wikimedia Commons

Infine, gli incassi sono stati destinati alla conservazione e al restauro delle opere del circuito, tra cui spicca il restauro dei bastioni di Palazzo Pitti: «È la prima volta dopo la Seconda Guerra Mondiale che viene effettuato un intervento su questi bastioni: adesso sono puliti e sicuri», conclude il direttore Schmidt. Le cinque mostre più visitate sono state:

Leggi anche: