Ferragnez, orgasmometro e sarrismo: è la lingua che cambia o solo marketing linguistico?

di Redazione

La coppia Ferragni-Fedez sbarca su Il Libro dell’anno, il nuovo volume della Treccani che raccoglie le tendenze e i neologismi del 2019

«Ferragnez», «Orgasmometro», «Sarrismo». Avete mai sentito un amico o un parente usare queste parole? Probabilmente no. Eppure per la Treccani meritano di essere inserite ne Il libro dell’anno dedicato ai neologismi. «Per essere precisi, non si tratta nemmeno di neologismi, ma di occasionalismi – dice Francesco Bianco, docente di linguistica italiana all’Università F. Palacký di Olomouc (Repubblica Ceca) – parole coniate da qualcuno, magari per scherzo, che godono di una fortuna effimera, favorita dai media tradizionali e, oggi, ancor più dal web». Su Twitter Treccani ha risposto piccata a chi non ha apprezzato le new entry.

«Contiamo sul fatto che scherziate, ma se qualcuno avesse davvero perplessità su sarrismo e ferragnez, specifichiamo: registrare un neologismo segnala che una parola “nuova” è diventata piuttosto comune in contesti relativamente sostenuti, come quello giornalistico. Questo non significa scommettere che quella parola resterà scolpita per sempre nella lingua italiana, né che indichi un fenomeno di cui si occuperanno i libri di storia. Sia detto col massimo rispetto e affetto per Maurizio Sarri, Chiara Ferragni e Fedez».

Secondo Bianco, la scelta della Treccani non è dovuta a questioni di “marketing linguistico”, quanto alla volontà di «democratizzare la cultura di cui è portatrice: basti pensare alla mole di contenuti, a carattere divulgativo ma scientificamente affidabili, che l’istituto distribuisce attraverso il proprio portale web. Qualcosa del genere, al fine di avvicinare le persone ai problemi della lingua di oggi ha fatto anche l’Accademia della Crusca, anch’essa sfruttando, fra gli altri canali, il web».

https://twitter.com/statuses/1095602892235526144

https://twitter.com/statuses/1095602893619712000

https://twitter.com/statuses/1095602894890512385

https://twitter.com/statuses/1095602896287268897

«Ferragnez»

Come molti sanno, «Ferragnez» è una crasi tra il cognome di Chiara Ferragni, imprenditrice digitale e fashion blogger, e del nome d’arte di Federico Leonardo Lucia, Fedez, suo marito. Il nomignolo viene usato da tempo dai fan della coppia, ma è stata “ufficializzato” in occasione del loro lussuosissimo matrimonio, nel settembre 2018. In inglese parole come queste vengono definite “ship”, abbreviazione di relationship. L’ esempio più noto? Basti pensare all’ormai ex coppia composta da Brad Pitt e Angelina Jolie, anche detti «Brangelina».

Ferragnez, orgasmometro e sarrismo: è la lingua che cambia o solo marketing linguistico? foto 1

I Brangelina, ossia Brad Pitt e Angelina Jolie (quando ancora stavano insieme)

«Sarrismo»

Non c’è solo «Ferragnez». Tra gli altri neologismi legittimati dalla Treccani trova posto anche «Sarrismo», una sorta di stile di vita di matrice calcistica non propriamente salutare ispirato all’allenatore del Chelsea ed ex-Napoli Maurizio Sarri.

Ferragnez, orgasmometro e sarrismo: è la lingua che cambia o solo marketing linguistico? foto 2

Maurizio Sarri, ispiratore del Sarrismo, allenatore del Chelsea

«Orgasmometro» e «Sex doll»

L’«orgasmometro» è il «test medico per misurare le caratteristiche e l’intensità del piacere sessuale femminile»; il termine «sex doll», invece, non va confuso con le più note e vintage bambole gonfiabili. Le sex dolls sono «bambole al silicone, dotate di impianto di intelligenza artificiale, destinate al piacere sessuale dell’utente».

Ferragnez, orgasmometro e sarrismo: è la lingua che cambia o solo marketing linguistico? foto 3

Esempio di una sex doll

«Viadotticidio»

Tra gli altri termini approvati dalla Treccani troviamo «viadotticidio», vale a dire il «crollo di un viadotto e il suo costo in termini di vite umane», che riporta immediatamente alla mente il ricordo alla tragedia del Ponte Morandi di Genova del 14 agosto 2018, in cui persero la vita 43 persone.