La Camera approva il decreto Carige: ora il testo passa al Senato

L’Aula ha approvato il provvedimento con 461 voti a favore. Il decreto dovrà ora passare il vaglio del Senato entro il prossimo 9 marzo

La Camera dei Deputati ha approvato con 461 voti a favore,27 contrarie due astenuti il «DecretoCarige» contenentegli interventi urgenti a sostegno della Cassa di risparmio di Genova e Imperia.Hanno votato a favore del provvedimento anche forze di opposizione come il Partito Democratico e Forza Italia. Il testo dovrà ora passare al vaglio del Senato, l'esame in assemblea èfissato per il prossimo 5 marzo.


Il«DecretoCarige» contiene una serie di norme volte a far fronte alla crisi dell'istituto bancario ligure. Nello specifico, il provvedimento stanzia in tutto 1,3 miliardi di euro, di cui uno è destinatoalla sottoscrizione di azioni mentre i restanti 300 milioni serviranno invece a far fronte agli oneridelle garanzie statali sulle passivitàdi nuova emissione.

Il decreto, inoltre, autorizza il ministero dell'Economia e delle Finanze a concedere la garanzia pubblica«onerosa, incondizionata, irrevocabile» sulle passività di nuova emissionefino a un valore nominale di 3 miliardifino al prossimo 30 giugno. Inoltre, il Mef si impegnerà a trasmettere al Parlamento una relazione ogni quattro mesi per rendere pubblici i grandi debitori della banca ligure

Durante il periodo in cui il provvedimento sarà in vigore,la banca non potrà distribuire dividendi, effettuare pagamenti discrezionali su strumenti di capitale aggiuntivo di classe 1, riacquistare propri strumenti di capitale primario o aggiuntivo di classe 1, acquisire nuove partecipazioni. Peraltro, a Carigesarà richiesto un piano di ristrutturazione per confermare la redditivitàe la capacità di raccolta a lungo termine senza ricorso al sostegno pubblico.

Leggi anche