Congresso delle famiglie, Di Maio: «Più che di destra chi tratta le donne così è uno sfigato»

«A me non risulta che non sia neppure stata inoltrata la domanda di patrocinio», dice il vicepremier Luigi Di Maio sulla querelle sul simbolo di Palazzo Chigi presente sul sito del congresso volto a promuovere i valori delle «famiglie tradizionali» a Verona

Di Maio si schiera apertamente contro alcuni membri della destra europea e internazionale che prenderanno parte alXIII Congresso Mondiale delle Famiglie, in programma a Verona a fine marzo. Intervistato da Giovanni Floris aDi Martedì, il vicepremier ha affrontato diversi temi: dai rapportitra Lega e Cinque Stelle, alla questione Tav ai diritti civili, passando per il tema «famiglia».

Proprio su questo argomento Luigi Di Maio è stato invitato a prendere posizione rispetto agli alleati di Governo da Concita De Gregorio, che gli ha domandato cosa ne pensasse dell’evento mondiale sulle famiglie a cui parteciperanno diversi big della destra italiana, da Matteo Salvini e Lorenzo Fontana della Lega a Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia.

Rispondendo a una domanda della giornalista De Gregorio.Di Maio ha detto che«più che di destra son degli sfigati se trattano così le donne». Il vicepremier non si riferiva espressamente ai suoi alleati di governo, ma a un celebre consigliere del partito spagnolo di destra Vox,Santiago Abascal, che – secondo De Gregorio – si è reso protagonista di pesanti frasi sessiste: ledonne «devono stare a casa zitte»;«i figli sono sostanzialmente degli uomini: le donne li devono soltanto fare e non si devono permettere di divorziare».

https://twitter.com/statuses/1105575602139131908

«Quelle frasi – ha aggiunto Di Maio -non rappresentano niente della cultura del Movimento Cinque Stelle. Stiamo parlando di una società in cui le donne hanno gli stessi diritti degli uomini. Chi vuole tornare indietro su questo fronte, chi vuole trattare le donne così, probabilmente ne risponderà alla storia». L'organizzatore del Congresso Mondiale delle Famiglie, Jacopo Coghe, ha invitato il vicepremier a partecipare all'evento:«Ci farebbe piacere se venissi a Verona a parlare e a confrontarti con le famiglie, sarebbe una dimostrazione di quella democrazia tanto cara al #M5S».

https://twitter.com/statuses/1105600233386455041