Boldrini difende Salvini sui social: «No all’hate speech»

«Gli avversari politici vanno sconfitti con la forza delle idee, non con la violenza», spiega la deputata di LeU in un commento 

Laura Boldrini è da sempre in prima fila nella lotta all’hate speech e all’uso di parole d’odio, sia online sia nella quotidianità. «All’odio non si risponde con altra violenza, è il suo principio» e così lo applica. Ed è proprio sulla base di questo che la deputata di LeU, nella mattinata del 16 aprile, ha redarguito con un commento un suo follower che invocava la riapertura dei campi di concentramento in cui avrebbe voluto rinchiudereSalvini, Meloni e Giordano.

Laura Boldrini ha pubblicato sui suoi canali social la notizia relativaal giovane ragazzovittima di insulti antisemiti in una scuola media a Ferrara.«"Quando saremo grandi faremo riaprireAuschwitze vi ficcheremo tutti nei forni”. Le parole di questo bambino facciano riflettere gli adulti. Possibile che l’odio stia contaminando anche la scuola, cosa sta succedendo in questo Paese?», di chiede la Boldrini. Come di consueto, sono piovuti i commenti di sbigottimento e di condanna verso l’episodio antisemita.

Il commento violento sotto il post di Laura Boldrini

Tra i commenti sotto il post dell’ex presidentessa della Camera, però, ne è apparso uno dal contenuto violento e toni ostili.

Boldrini difende Salvini sui social: «No all'hate speech» foto 1

Laura Boldrini / Facebook | Il commento del follower contro Salvini, Meloni e Giordano

«Beh questo bambino non ha tutti i torti, bisognerebbe riaprirli per gente come Salvino, Meloni e Giordana. Loro non conoscono il rispetto della democrazia per questo andrebbero eliminati, perché non sono democratici come noi antifascisti».

La risposta di Laura Boldrini

Boldrini difende Salvini sui social: «No all'hate speech» foto 2

Laura Boldrini / Facebook | La risposta di Laura Boldrini al commento del follower contro Salvini, Meloni e Giordano

Il tono e contenuto del commento non è piaciuto affatto alla deputata di LeU e al suo staff. La risposta è stata di immediata e di totale condanna verso il commento: «L’Olocausto è stata un’immane tragedia sulla quale non si scherza. Non accetto questi commenti sulla mia pagina, gli avversari politici vanno sconfitti con la forza delle idee, non con la violenza. Perché sono avversari, appunto, non nemici da distruggere».

Foto copertina: Ansa | Laura Boldrini

Leggi anche