Attentati in Sri Lanka, il video del presunto attentatore poco prima della strage

di

Le immagini del presunto attentatore della chiesa di San Sebastiano, vicino Negombo. Fonti della polizia riferiscono di un quarto attentato sventato in un hotel 

In un video tratto dalle telecamere di sorveglianza della chiesa di San Sebastiano a Katuwapitiya si vede un uomo che, zaino in spalla, si avvicina ed entra nella chiesa piena di fedeli per le celebrazioni della Pasqua. A diramarlo sono state le autorità ecclesiastiche della chiesa. La polizia srilankese ha riferito che non intende commentare le immagini sino alla fine delle indagini.

https://twitter.com/statuses/1120616145579589632

Le autorità hanno reso noto che il bilancio delle stragi è, al momento, di 321 morti e 520 feriti. 40 gli arresti, tra cui un uomo che avrebbe ospitato gli attentatori e li avrebbe scortati sino ai punti dove si sono fatti esplodere.Fonti della polizia riferiscono inoltre di un quarto attentato sventato in un hotel.

I luoghi degli attacchi

Sono stati sei i punti attaccati nella capitale Colombo: il santuario di Sant’Antonio, lo Shangri-La Hotel, il Kingsbury Hotel, il Cinnamon Grand Hotel, il Tropical Inn Hotel e l’esplosione nella zona di Damatagoda, avvenuta nel pomeriggio durante i rastrellamenti della polizia per individuare i responsabili. A Negombo è stata attaccata la chiesa di San Sebastiano. Ottavo punto d’attacco è stata la chiesa evangelica di Batticaloa.

23 aprile, giornata di lutto nazionale

In Sri Lanka oggi, 23 aprile, è giornata di lutto nazionale dopo l’attacco terroristico che si ipotizza possa essere stato opera di una cellula terroristica jihadista del National Thowheeth Jama’ath, un gruppo radicale musulmano che ha colpito il Paese nella giornata di Pasqua.

Leggi anche