Cos’è l’Old Manners dove è avvenuto il presunto stupro di Viterbo

Dagli aperitivi anti partigiani alla raccolta fondi per CasaPound, il presunto stupro nei confronti di una donna di 36 anni sarebbe avvenuto all’interno di un circolo sportivo, che è in realtà la base politica di CasaPound a Viterbo 

Non avrebbero scelto un posto a caso per mettere in scena (e filmare) la violenza sessuale nei confronti di quella che si considerava una “simpatizzante” di CasaPound di Viterbo. Anzi, Francesco Chiricozzi, consigliere comunale di Vallerano e Marco Licci, semplice militante sempre di CasaPound (uno di 21 e l’altro di 19 anni) all’Old Manners si sentivano a casa.

Come ha ricostruito l’indagine della procura di Viterbo, guidata dal procuratore Paolo Auriemma, i due sono entrati nel locale – in quel momento chiuso – con le chiavi, da proprietari. E proprio lì, sentendosi al sicuro, avrebbero prima picchiato e poi violentato la vittima che avrebbe fatto resistenza ai loro approcci sessuali.

Cos'è l'Old Manners dove è avvenuto il presunto stupro di Viterbo foto 1

Sebbene l’indagine sia tutto sommato chiara, visto che ad incastrare gli autori della violenza sono stati i loro stessi filmati realizzati con il cellulare, l’inchiesta potrebbe chiarire il ruolo del locale usato dai due. Formalmente, infatti, l’Old Manners è un circolo sportivo, dove si entra solo grazie a una tessera e non un vero e proprio pub, come si legge invece sulla pagina Facebook del locale, piazzato proprio al centro di Viterbo. Nella pratica, poi, non è neppure un vero bar e non solo perché si entra con una tessera. L’Old Manners, infatti, ospita molto frequentemente iniziative politiche targate CasaPound.

L’ultima si è svolta il 25 aprile, come si vede nella foto pubblicata sul sito che ritrae un gerarca fascista (forse Alessandro Pavolini) che passa in rassegna un drappello di militi. «Aperitivo anti partigiano. A seguire pranzo comunitario», si legge su Facebook, nella scritta riportata sopra la foto, che sembra impressa con vernice rossa e ha la data, 25 aprile, scritta in basso, da cui la vernice sembra colare. L’invito è altrettanto esplicito: «Chi non se schiera non è bravo».

Il nome del locale compare anche sul sito di CasaPound Italia, nella sezione «Sedi e contatti locali», dove è segnalato nella sezione Lazio per quanto riguarda Viterbo. E del resto, le iniziative a favore di CasaPound coprono quasi tutti gli appuntamenti pubblicizzati: recentemente si è svolto persino un “presidio” dopo una «aggressione antifascista».

https://www.facebook.com/OldMannersTavern/posts/489654514755855:0

Sullo stesso tema: