L’appello da destra di Jean-Marie Le Pen: «Salviamo Radio Radicale»

Eurodeputato e fondatore del partito di estrema destra, Fronte Nazionale. Il padre di Marine Le Pen è anche un amico di Marco Pannella

Non solo la sinistra, non solo Roberto Giachetti. Anche da destra, molto da destra, arriva la solidarietà per Radio Radicale, con l’intervento del fondatore del partito francese Front National, Jean-Marie Le Pen. Bocciata la proroga di sei mesi proposta dalla Lega, l’emittente radicale rischia concretamente di chiudere.

Amico di lunga data di Marco Pannella, Jean-Marie Le Pen ha protestato contro la sospensione del finanziamento pubblico per Radio Radicale: «Io sono un vero democratico e credo più precisamente che il confronto delle idee, dei partiti e di tutte le strutture che permettono questo confronto il più spesso possibile siano auspicabili, voilà! Non credo né al confinamento né all’esclusione», sostiene il padre di Marine Le Pen, leader del partito, ribattezzato Ragruppamento Nazionale per distanziarsi dal padre, e alleata di Salvini in Europa.

«Credo che si debba in effetti salvare il pensiero di Marco [Pannella ndr] e difendere le idee che erano le sue, perché fanno parte delle sfumature del pensiero europeo; dunque vanno salvaguardate – ha dichiarto Le Pen – Penso al grande Marco, al merito della durata delle sue battaglie politiche e sono inorridito dall’idea che (Radio Radicale,ndr) possa sparire».

Leggi anche