Palermo, distrutta la targa (appena installata) in memoria di Peppino Impastato

Era stata installata ieri, 17 giugno. Ora i consiglieri della VI circoscrizione vogliono istallarne una nuova: «L’idea è quella di dare il segnale che anche se la distruggono noi la rimetteremo mille volte»

È rimasta intatta per 22 ore, la targa dedicata a Peppino Impastato, il giornalista ucciso dalla mafia nel 1978. Era stata installata ieri, 17 giugno, nel quartiere Cep, e il presidente della VI circoscrizione, Michele Maraventano, aveva celebrato l’iniziativa su Facebook: «Perché rimanga viva la memoria dei giusti».

La targa è stata vandalizzata, distrutta, manca tutta la parte centrale. A dare l’allarme la consigliera del M5S Daniela Tumbarello che ha annunciato la convocazione di un consiglio di circoscrizione straordinario per discutere dell’acquisizione di una nuova targa da mettere accanto a quella distrutta. «L’idea è quella di dare il segnale che anche se la distruggono noi la rimetteremo mille volte», ha detto Tumbarello al Giornale di Sicilia.

Anche la deputata del M5S Roberta Alaimo ha commentato l’accaduto su Facebook: «È ancora lungo il percorso di crescita culturale da portare avanti e per combattere realmente la mafia dobbiamo impegnarci tutti affinché i cittadini reagiscano davanti a eventi del genere».

«Era stata messa ieri, non si sa se è stato puro vandalismo o illegalità, ma le due cose coincidono, è un atto vergognoso», ha detto Maraventano. La targa è stata posta in una villetta già dedicata all’attivista di Cinisi, ucciso dalla mafia il 9 maggio del 1978. Una villetta che però è stata abbandonata per anni e di cui i consiglieri di circoscrizione hanno avviato il recupero, l’installazione era parte del progetto.

Leggi anche: