Che fine ha fatto l’autonomia regionale?

I ministri Salvini e Lezzi negano ci sia uno scambio tra questo tema e il rallentamento alla Camera sul decreto Crescita. Eppure Lega e 5 Stelle stanno trattando

«Nessuno scambio tra il decreto Crescita e l’autonomia regionale»: a dirlo sono entrambi gli alleati di governo. Eppure una trattativa è in corso, visto che la discussione in aula sul primo argomento è stata interrotta anche questa mattina (inaspettatamente) e il testo è tornato nelle commissioni Bilancio e Finanze per correggere alcuni emendamenti, ma anche per eliminare l’emendamento che trasferisce alle Regioni la titolarità dei Fondi per lo sviluppo e la coesione (Fsc).

Una norma che aveva fatto infuriare il ministro per il Sud Barbara Lezzi, che oggi dice: «L’ok all’emendamento che spostava la titolarità dei fondi per Sviluppo e coesione alle Regioni è stato un errore, l’abbiamo riconosciuto e stiamo cercando di sanarlo. Non ci sono altri temi sul piatto». Poi però sull’autonomia regionale aggiunge: «L’autonomia noi la stiamo rivedendo insieme ai colleghi della Lega in modo che non ci siano differenze tra Nord e Sud. Stiamo rivedendo l’accordo fatto dal governo precedente con maggiori principi di equità».

È dal consiglio dei Ministri del 14 febbraio che il governo Conte non discute dell’autonomia regionale. Secondo Matteo Salvini «ora i 5 Stelle sono più convinti». Oggi, ancora una volta, il leader leghista (a margine della cerimonia degli allievi della scuola di perfezionamento della Polizia) ha promesso che di questo tema – per cui si attendono i testi definitivi delle intese con Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna- si occuperà il prossimo consiglio dei Ministri.

«L’autonomia è ufficialmente incardinata. Con Conte abbiamo stabilito la road map sulle fasi finali della trattativa. Con il presidente abbiamo confermato la necessità di un passaggio preliminare – alla firma – del testo delle intese nelle commissioni parlamentari» ha detto Erika Stefani, ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie. Oggi il ministro dell’Interno ha incontrato il governatore veneto Zaia. «Siamo fuori tempo massimo» ha sostenuto da Milano il governatore lombardo Attilio Fontana (Lega). La trattativa nel governo, continua.

Leggi anche: