Otranto, marijuana telecomandata? Trovata barca con stupefacenti guidata a distanza

Senza timone, senza conducente ma con 37 chilogrammi di droga. L’insolito ritrovamento è avvenuto la sera del 21 giugno

Tra le strade della California sfrecciano i prototipi più avanzati di auto a guida autonoma. Veicoli che non hanno bisogno, o quasi, dell’intervento dell’uomo per scegliere quale corsia prendere o come tenersi a distanza dalle altre auto. Lo scorso maggio anche il governo italiano ha permesso l’inizio dei test per le auto a guida autonoma su alcune strade tra Parma e Torino.

Lungo i mari della penisola però c’è qualcuno che ha deciso di anticipare i tempi. La sera del 21 giugno il guardacoste di Otranto ha individuato attraverso il radar un piccola imbarcazione. A bordo, nessun pilota. Solo due pacchi di marijuana per un totale di 37 kg. Una nave fantasma, in pratica. Anche se a guidarla non c’era lo spirito di qualche narcotrafficante defunto.

A bordo è stato ritrovato un sistema di navigazione automatico, probabilmente comandato a distanza con un segnale radio. Il timone infatti non c’era, tutto veniva mosso con delle piccole eliche posizionate fuori bordo e protette da una rete metallica.

Qualche analisi su questo sistema è già stata fatta e sembra che l’imbarcazione fino a qualche giorno fa si trovasse nell’area di Durazzo, in Albania. Sembra anche che il barchino abbia attraccato in alcuni punti vicino a Brindisi.

Il sistema utilizzato per comandare la nave a distanza

Purtroppo quindi non si tratta di un avveniristico esperimento di barca a guida autonoma. Cosa che, al di là del reato, avrebbe certo concesso una nota di merito al narcotrafficante che, nell’ipotesi, avrebbe sfidato a distanza i colossi della tecnologia californiani.

La barca è più un giocattolone radiocomandato, un po’ come quando da piccoli costringevamo il robot Emiglio a portare la merenda dalla cucina alla sala. Un gioco che, come in questo caso, non andava quasi mai a buon fine.

Lo scafo della nave, senza marinai e senza timone

Leggi anche: