Eurostat, il dramma del lavoro (che non c’è) nel Sud Italia: 4 regioni tra le peggiori d’Europa

Metà delle persone tra i 20 e i 64 anni che vivono al Sud non ha un lavoro

È un’immagine impietosa e poco rassicurante quella che arriva dagli ultimi dati Eurostat riferiti all’occupazione nel 2018. Quattro su cinque delle Regioni con il tasso di occupazione più basso in Europa si trovano nel Sud d’Italia con meno della metà delle persone tra i 20 e i 64 anni che ha un lavoro a fronte del 73,1% medio in Ue.


In Europa la peggiore è Mayotte, regione francese vicina al Madagascar: qui lavora il 40,8% delle persone tra i 20 e i 64 anni . Seguita da regioni italiane: la Sicilia con il 44,1% degli occupati in quella fascia d’età, la Campania con il 45,3%, la Calabria con il 45,6% e la Puglia con il 49,4%.

Italia, Grecia e Spagna

Il livello di occupazione medio dell’Italia si aggira sul 63%, un dato che, seppure migliore di quello della Grecia con il 59,5% vede in Italia un divario molto più ampio tra le singole regioni. L’Emilia Romagna è la più virtuosa con il 74,4%, insieme a Bolzano al 79%.

La Spagna è già al 67% dal 59,9% del 2014 mentre l’Italia nello stesso lasso di tempo è passata dal 59,9% al 63%. Tra le regioni nelle quali lavora la più alta percentuale di persone (sempre considerata la fascia tra i 20 e i 64 anni) c’è quella che ospita Stoccolma con l’85,7% (l’intera Svezia è all’82,6%)

La situazione occupazionale del Sud oggi è al centro della manifestazione unitaria di Cgil, Cisl e Uil a Reggio Calabria per chiedere al Governo un cambio di rotta su politica industriale e investimenti.

Disoccupazione femminile

Secondo il rapporto, il dato italiano sarebbe basso soprattutto a causa delle scarse opportunità lavorative per le donne.

Nel nostro Paese, tra i 20 e i 64 anni lavora il 53,1% delle donne contro il 67,4% medio in Ue (il 75,8% in Germania). Ma anche all’interno del nostro Paese ci sono differenze enormi tra regioni: l’Emilia Romagna conta il 66,9% delle donne occupate (superiore alla media Ue), la Sicilia solo il 31,5%.

In Campania sono occupate il 31,9% delle donne in età da lavoro, in Calabria il 33,5% e in Puglia il 35,6%.

Nella stessa fascia di età in provincia di Bolzano lavora il 73% delle donne mentre se si va a Stoccolma lavora l’84,3% delle donne (quasi in linea con gli uomini che sono all’87,2%).

Sullo stesso tema: