I rifiuti sommergono il cuore di Roma: gru in Vaticano per rimuovere l’immondizia – Il video

I netturbini hanno bisogno dell’aiuto di una benna per sollevare cumuli di sacchi dell’immondizia accumulata

Una raccolta straordinaria, con mobilitazione di camion muniti di gru, come mostra questo video di Open girato in via Aurelia, a Roma nord e a due passi dal centro e dal Vaticano. I netturbini hanno bisogno dell’aiuto di una benna per sollevare cumuli di sacchi dell’immondizia accumulata e schiacciata anche sotto ai cassonetti.

Nella Capitale, la nuova, ennesima emergenza rifiuti continua, con carichi di spazzatura abbandonata ai piedi di cassonetti stracolmi. Davanti a scuole, supermercati, nelle vie più o meno trafficate e nei quartieri più disparati della città.

«Uomini e mezzi in azione h24 per assicurare la regolarità dei servizi di raccolta e rimuovere le giacenze di rifiuti attorno ai cassonetti nelle aree in cui persistono fenomeni di abbandono abusivo».

Ama, l’azienda municipalizzata assicura in una nota che, «d’intesa e coordinamento con Roma Capitale, sta mettendo in campo il massimo sforzo con interventi mirati di pulizia e sanificazione in tutti i quadranti cittadini. Tecnici e preposti aziendali stanno proseguendo senza sosta l’opera di monitoraggio sul territorio».

La denuncia di Virginia Raggi

Sulla situazione rifiuti arriva ancora una denuncia della sindaca di Roma, Virginia Raggi. «Ancora danneggiamenti, ancora incendi ai cassonetti ed ai centri di trattamento». Nella notte tra il 26 e il 27 giugno, scrive la prima cittadina su Facebook, «all’interno di un terreno privato in via Teano, zona Prenestina, i soliti criminali hanno dato alle fiamme una grossa quantità di rifiuti plastici».

Ancora danneggiamenti, ancora incendi ai cassonetti ed ai centri di trattamento. Questa notte, all’interno di un terreno…

Posted by Virginia Raggi on Thursday, June 27, 2019

Il rogo è stato domato, non ci sono feriti o intossicati. «Un fatto inquietante che si unisce alla parziale distruzione di un’azienda di stoccaggio a Cisterna di Latina, il cui capannone è stato incendiato solo due giorni fa». Raggi rilancia la tesi per cui l’amministrazione capitolina è «sotto attacco». «Il sistema pubblico che gestisce il ciclo dei rifiuti, quello legale, quello della nostra azienda municipalizzata Ama, viene deliberatamente fiaccato da appetiti criminali».

Leggi anche: