Un italiano ancora alla guida del Parlamento europeo: eletto il Pd David Sassoli

L’ex vicedirettore del Tg1 è stato eletto presidente dell’Europarlamento con 345 sì

Sarà David Sassoli a raccogliere il testimone di Antonio Tajani. Il candidato del gruppo S&D (socialisti e democratici) è stato eletto al secondo turno con 345 sì. Al primo turno aveva mancato la maggioranza assoluta per soli sette voti.

La sua elezione era data per certa, non solo perché il parlamentare dem era sostenuto dalla maggior parte dei colleghi – italiani e non – del suo gruppo, eccezion fatta per i tedeschi che avrebbero preferito la verde Ska Keller, ma anche per una questione di equilibri nella distribuzione delle cariche.

Dopo aver perso la Commissione europea, a causa del siluramento di Timmermans, i socialisti hanno puntato alla presidenza del Parlamento e hanno scelto Sassoli per portare a casa questo risultato. L’accordo è arrivato nella notte grazie all’intermediazione di Italia e soprattutto della Spagna, che spinge per un ruolo di rilievo di un socialista all’interno dell’Ue dopo il risultato del voto europeo.

Il discorso di Sassoli

«Non siamo un incidente della storia, ma i figli e i nipoti di coloro che sono riusciti a trovare l’antidoto a quella degenerazione nazionalista che ha avvelenato la nostra storia. Se siamo europei è anche perché siamo innamorati dei nostri Paesi. Ma il nazionalismo che diventa ideologia e idolatria produce virus che stimolano istinti di superiorità e producono conflitti distruttivi» ha detto David Sassoli subito dopo l’elezione.

Solo il Pd ha votato Sassoli

Solo il Pd, tra i partiti italiani, ha votato David Sassoli alla presidenza del Parlamento europeo. Forza Italia si è astenuta mentre Lega e Fdi hanno votato per Jan Zahradil (Conservatori Ecr). Il Movimento 5 Stelle, invece, ha lasciato libertà di coscienza.

La reazione di Zingaretti

«Vittoria! Un Italiano del Pd tra le massime figure delle istituzioni europee. Il Governo Italiano ha fatto danni e ci ha isolato. Il Pd c’è e conta, al servizio delle Istituzioni e del nostro Paese» ha scritto su Twitter il segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti.

Leggi anche: