Mediterranea, Malta rifiuta l’aiuto di Open Arms per «ragioni politiche»

I migranti stanno aspettando da ieri 5 luglio gli aiuti di Malta, perché il veliero Alex non è attrezzato per tenere a bordo 43 persone

Malta ha rifiutato l’aiuto dell’Ong spagnola Open Arms per quanto riguarda il soccorso dei 42 migranti a bordo della Alex, il veliero di Mediterranea Saving Humans. A rivelarlo sono alcune intercettazioni pubblicate da TPI.

Malta si era offerta ieri 5 luglio di inviare navi militari per il trasbordo e il trasporto verso porti dell’Isola. Ma l’intervento tarda ad arrivare e, dopo l’aiuto della guardia costiera italiana che ha soccorso 13 dei migranti presenti sulla barca, anche l’Ong Open Arms si è offerta di intervenire.

Questa la conversazione tra la guardia costiera maltese e l’equipaggio:

Malta: «Buongiorno siamo dell’assistenza salvataggio».
Open Arms: «buongiorno, Siamo la Open Arms e siamo fermi».
Malta: «Abbiamo ricevuto la vostra email e al momento stiamo aspettando le istruzioni da Malta e per adesso il governo di Malta ha dato il permesso per la nave Alex di avere un porto sicuro a Malta, ma non per Open Arms. Open Arms non ha il permesso di entrare».
Open Arms: «Sì capisco».
Malta: «L’unica informazione che ho per voi è che può entrare Alex, ma non voi. Le istruzioni arrivano da un livello politico. Non posso darvi altre istruzioni».
Open Arms: «Sì, sì, possiamo capire che c’è un livello politico. Lo sappiamo che il livello politico prende tempo ma è per le persone che sono a bordo capire se è sicuro che il loro ingresso è negato da Malta. Come sapete le persone a bordo della Alex non erano in grado di navigare in quelle condizioni del mare. Solo per questo motivo abbiamo offerto il nostro supporto».
Malta: «Lo so, lo so. Aspettiamo istruzioni».
Open Arms: «Ok, ce le potete mandare?»
Malta: «Risponderemo alla vostra mail»
Open Arms: «Ok, ok grazie»

Leggi anche: