Mondiali calcio femminile, giocatrice Usa criticata per aver gettato a terra la bandiera

La calciatrice americana Allie Long è finita al centro della polemica per aver lasciato cadere a terra la bandiera a stelle e strisce durante i festeggiamenti per la vittoria del mondiale

La giocatrice degli Stati Uniti Allie Long presa di mira sui social per aver gettato a terra la bandiera statunitense durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa del Mondo.

Per andare ad esultare insieme con le compagne di squadra, Megan Rapinoe ed Alex Morgan, durante le celebrazioni post-partita, Allie Long ha lasciato cadere sul rettangolo verde la bandiera a stelle e strisce, andando vicino a calpestarla. La compagna di squadra Kelley O’Hara ha spostato in tempo la bandiera, evitando un’ulteriore polemica.

Il gesto, in apparenza involontario, ha fatto scatenare la rabbia del web che ha fortemente criticato la giocatrice per aver lasciato cadere a terra la bandiera a stelle e strisce.

«Congratulazioni per la vostra/nostra vittoria, ma potresti per favore rispettare la bandiera degli Stati Uniti e non gettarla a terra?». La compagna, Kelley O’Hara, che è corsa a raccoglierla è stata accolta da alcuni come un eroe: «Kelley, sei l’eroe di cui abbiamo bisogno», si legge su Twitter.

Innumerevoli i commenti aggressivi o violenti: «Una mancanza di rispetto della grande Nazione sulla televisione nazionale. Sono sicuro che la Francia ti aprirà le porte per la cittadinanza con il tuo tipo di disonore e mancanza di rispetto».

«Dovresti imparare come rispettare la nostra bandiera. Non buttarla a terra. Alcuni di noi hanno combattuto per quella bandiera!! E tu!! Merito rispetto per le mie stelle e strisce!!», scrive un ex militare su Twitter.

Leggi anche: