Arrestato Bellomo, l’ex giudice che imponeva il dress code alle sue borsiste. Minacciò e calunniò anche Conte

Bellomo risponde di maltrattamenti nei confronti di quattro donne, tre borsiste e una ricercatrice, di estorsione nei confronti di un’altra corsista, ma anche di calunnie e minacce al premier Giuseppe Conte

Una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari è stata notificata a Francesco Bellomo, ex giudice barese del Consiglio di Stato, docente e direttore scientifico dei corsi post-universitari per la preparazione al concorso in magistratura della Scuola di Formazione Giuridica Avanzata ‘Diritto e Scienza’.

Bellomo, 49 anni, sospeso nel 2017 dopo lo scandalo della scuola di preparazione per il concorso in magistratura, risponde dei reati di maltrattamento nei confronti di quattro donne, tre borsiste e una ricercatrice, alle quali aveva imposto anche un dress code, ed estorsione aggravata ai danni di un’altra corsista.

L’ex giudice è indagato anche per i reati di calunnia e minaccia ai danni dell’attuale presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte. L’accusa, contenuta nell’ordinanza di arresto per maltrattamenti ed estorsione nei confronti delle borsiste, risale al settembre 2017, quando Conte era vicepresidente del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa e presidente della commissione disciplinare chiamata a pronunciarsi su Bellomo.

Bellomo e Conte

L’ex magistrato Bellomo aveva citato per danni dinanzi al Tribunale di Bari Conte e un’altra ex componente della commissione disciplinare, Concetta Plantamura, «incolpandoli falsamente» di aver esercitato «in modo strumentale e illegale il potere disciplinare», svolgendo «deliberatamente e sistematicamente» una «attività di oppressione» nei suoi confronti, «mossa – denunciava Bellomo – da un palese intento persecutorio, dipanatosi in un numero impressionante di violazioni procedurali e sostanziali, in dichiarazioni e comportamenti apertamente contrassegnate dal pregiudizio».

Pochi giorni dopo la notifica della citazione e nell’imminenza della seduta del Plenum per la discussione finale del procedimento disciplinare a suo carico, Bellomo avrebbe depositato una memoria chiedendo «l’annullamento in autotutela degli atti del giudizio disciplinare per vizio di procedura” e il suo “proscioglimento immediato» per «evitare ogni ulteriore aggravamento dei danni ingiusti già subiti». Per la Procura di Bari, Bellomo avrebbe così «implicitamente prospettato oltre all’aggravarsi dell’entità del risarcimento chiesto, anche il possibile esercizio di azioni civili in caso di ulteriori danni».

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella Sala Verde di Palazzo Chigi, Roma, 5 luglio 2019. Ansa/Ufficio Stampa Palazzo Chigi/Filippo Attili
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella Sala Verde di Palazzo Chigi, Roma, 5 luglio 2019. Ansa/Ufficio Stampa Palazzo Chigi/Filippo Attili

Avrebbe quindi minacciato Conte e Plantamura «per turbarne l’attività nel procedimento disciplinare a suo carico – si legge nell’imputazione – e impedire la loro partecipazione alla discussione finale, influenzandone la libertà di scelta e determinando la loro estensione, benché il CPGA avesse votato all’unanimità, e in loro assenza, l’insussistenza di cause di astensione e ricusazione».

L’accusa di maltrattamenti

Tutto parte con la denuncia di una studentessa a Piacenza, e le indagini portano presto a Bari, da dove viene Bellomo e dove ancora oggi c’è una sede funzionante di “Diritto e scienza”.

I fatti contestati risalgono agli anni 2011-2018, scrive l’Ansa. L’arresto è stato disposto dalla giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari Antonella Cafagna. Il reato di maltrattamenti sarebbe stato commesso da Bellomo, in concorso con l’ex pm di Rovigo Davide Nalin, coordinatore delle borsiste.

Stando alle indagini dei Carabinieri, coordinate dal procuratore aggiunto di Bari Roberto Rossi e dalla sostituta Iolanda Daniela Chimienti, Bellomo, con «l’artifizio delle borse di studio offerte dalla società» che consentivano tra le altre cose la frequenza gratuita al corso e assistenza didattica individuale, «per selezionare e avvicinare le allieve nei confronti delle quali nutriva interesse, anche al fine di esercitare nei loro confronti un potere di controllo personale e sessuale» si legge nell’imputazione, avrebbe fatto sottoscrivere un «contratto/regolamento» che disciplinava i «doveri», il «codice di condotta» e il «dress code» del borsista.

Tra gli obblighi e divieti imposti, «del tutto estranei alle finalità di una scuola di formazione giuridica e di preparazione al concorso di magistratura» – si legge ancora nell’ordinanza – «l’obbligo di fedeltà nei confronti del direttore scientifico», quello di «segretezza sul contenuto delle comunicazioni intercorse con il direttore scientifico, anche nei confronti degli altri borsisti e collaboratori» e «il divieto di avviare o mantenere relazioni intime con soggetti che non raggiungessero un determinato punteggio attribuito secondo l’insindacabile giudizio dello stesso Bellomo», nonché divieto di «contrarre matrimonio a pena di decadenza automatica dalla borsa».

A selezionare le donne tramite colloquio, sottoponendole al «test del fidanzato sfigato» sarebbe stato l’ex pm Nalin, incaricato anche di vigilare sul rispetto degli “obblighi contrattuali” e di svolgere “istruttorie” in caso di violazioni e proporre sanzioni. La presunta estorsione sarebbe stata commessa nei confronti di un’altra corsista, costretta a rinunciare a un lavoro da co-presentatrice in una emittente televisiva «in quanto incompatibile con l’immagine di aspirante magistrato».

Il «sistema Bellomo»

La gip di Bari Antonella Cafagna parla di «elevata attitudine alla manipolazione psicologica mediante condotte di persuasione e svilimento della personalità della partner nonché dirette ad ottenerne il pieno asservimento se non a soggiogarla, privandola di qualunque autonomia nelle scelte, subordinate al suo consenso».

Nell’ordinanza, la giudice analizza quello che definisce “sistema Bellomo”, nel quale «l’istituzione del servizio di borse di studio non era altro che un espediente per realizzare un vero e proprio adescamento delle ragazze da rendere vittime del proprio peculiare sistema di sopraffazione». L’ex giudice, si legge nell’ordinanza, instaurava con le borsiste «rapporti confidenziali e, in alcuni casi, sentimentali».

Come accade in quella che viene definita la «spirale della violenza» in caso di violenza di genere, le vittime sarebbero state prima «isolate, allontanandole dalle amicizie». Quindi Bellomo ne avrebbe tentato una «manipolazione del pensiero se non addirittura di indottrinamento» con successivo «controllo mentale, mediante l’espediente di bollare come sbagliate le opinioni espresse o le scelte compiute dalla vittima, in modo da innescare un meccanismo di dipendenza da sé». È anche una delle vittime a definire il rapporto con Bellomo «come se si fosse impossessato della mia testa».

Le controllava, «anche nel timore che intrattenessero relazioni personali con altri uomini». In tutto: relazioni personali e frequentazioni. «Anche attraverso il monitoraggio dei social network, imponendo la cancellazione di amicizie, di fotografie pubblicate, ecc qualora non corrispondessero, a suo insindacabile giudizio, ai canoni di comportamento da lui imposti». In caso di comportamento diverso dai desiderata di Bellomo, l’ex giudice – scrive ancora la gip – comportamenti come «non avere interrotto le attività in cui erano impegnate per rispondere immediatamente alle sue telefonate e messaggi» – reagiva «umiliandole, offendendole e denigrandole, anche attraverso la pubblicazione sulla rivista on line della scuola delle loro vicende personali, e minacciandole di ritorsioni sul piano personale e professionale».

In copertina, intervista all’ex Consigliere di Stato Francesco Bellomo a Porta a Porta, Roma, 23 gennaio 2018. Ansa/RaiTV.IT

Leggi anche