Chi è l’ex terrorista Enrico Galmozzi che minaccia Salvini ed esalta gli anni di Piombo

La polizia di Sesto Fiorentino ha fermato una busta con un proiettile destinata al vicepremier. L’ex terrorista di Prima Linea ha commentato: «Una volta invece di spedirli li consegnavamo di persona…»

Giuseppe Ciotta era un brigadiere in servizio alla Questura di Torino. Si occupava della sorveglianza esterna di alcune strutture pubbliche: il Politecnico di Torino, l’Istituto Galileo Ferraris e la Facoltà di Architettura. Un incarico tranquillo, arrivato dopo aver prestato servizio alla Digos con il commissario capo Antonio Esposito, uno dei protagonisti della lotta al terrorismo negli anni di Piombo.

Il 12 marzo Giuseppe Ciotta esce dalla sua abitazione torinese di viale Gorizia, verso le 8.00 di mattina. Sale in macchina. Tre terroristi si avvicinano. Uno di loro spara, tre colpi. Giuseppe Ciotta muore così, lasciando una moglie e una figlia, Nunzia, due anni. I terroristi fanno parte di Prima Linea, l’organizzazione armata di estrema sinistra responsabile anche dell’omicidio del magistrato Emilio Alessandrini. A sparare quei colpi era stato Enrico Galmozzi.

Quel nome è tornato, sui profili social di Matteo Salvini. Verso le 17.30 dell’11 luglio il vicepremier ha scritto: «Terrorista rosso, condannato per omicidio, oggi mi insulta e minaccia… Strano Paese l’Italia». Sotto uno screenshot tratto da profilo Facebook di Enrico Galmozzi in cui l’ex terrorista commenta: «“I proiettili in busta non mi fermeranno”. Giù la testa coglione, non fare il cinema che ti va di culo: una volta invece di spedierli li consegnavamo di persona…».

Il riferimento è chiaro. La mattina del giorno stesso il leader della Lega aveva pubblicato la foto di un proiettile destinato a lui e intercettato dalla polizia di Sesto Fiorentino. Una della oltre cento minacce di morte che il ministro dell’Interno dichiara di aver ricevuto da quando è inziato il governo Conte. «Sicuramente non mi fanno paura. Anzi, mi fanno ancora più forza e voglia di combattere criminali di ogni genere».

Nostalgia, minacce e rondinelle salvate. Il profilo Facebook di Enrico Galmozzi

Quelle parole su Matteo Salvini ci sono ancora. E se ne sono accorti anche i follower del vicepremier che hanno lasciato oltre mille commenti in cui attaccano Galmozzi per le sue parole. Eppure, scorrendo tutto il suo profilo, sembra che l’ex terrorista di Prima Linea spesso non si sia fatto problemi a parlare del suo passato.

Nei vecchi post ci sono altri attacchi al ministro dell’Interno, a volte anche con toni volgari. Battute, insulti, foto impietose di Salvini in costume. In buona parte materiale che comunque potrebbe essere trovato nel profilo di qualsiasi detrattore del leader della Lega. Ma su Facebook Galmozzi non pubblica solo commenti che si riferiscono al presente.

Fonte: Facebook | Il commento di Galmozzi sul senatore Simone Pillon

Parla di quegli anni di Piombo, quegli anni in cui non solo si è macchiato dell’omicidio di Giuseppe Ciotta ma anche di quello di Enrico Pedenovi, politico del Msi. Scrive Galozzi il 28 giugno: «Invecchiando, col trascorrere del tempo uno si convince che le azioni esemplari sono controprudecenti e comunque non risolutive. Poi legge un tweet di pillon e cambia idea». Un utente risponde: «Butta uno in un letamaio per educarne cento». La replica dell’ex terrorista: «beh all’inizio era così..poi la cosa ci ha preso un po’ la mano…».

Fonte: Facebook | I post nostalgici di Galmozzi

Il passato visto come un capitolo glorioso della sua vita, quasi goliardico. Scrive il 12 giugno: «Cmq per trovare un ministro di grazia e giustizia più infame di Bonafede bisogna andare e Reale (quello della funesta legge) nel 1974». Oronzo Reale, ministro nel secondo governo Moro, aveva introdotto delle leggi più dure contro il terrorismo. Ancora sui profili che insultano Carola Rackete, capitana della Sea Watch 3: «Segnatevi i nomi che se gira il vento può sempre tornare utile».

Fonte: Facebook | Il commento di Galmozzi su Carola Rackete

I toni minacciosi e i riferimenti alle armi o al terrorismo lasciano il posto anche ad altro. Un post di poche ore prima era di tutt’altro tenore: «Anche oggi un’opera buona: salvata la rondinella».

Il nipote di Giuseppe Ciotta: «Vittime senza diritto di parola»

Potito Perrugini aveva 12 anni nel 1997. Il brigadiere Giuseppe Ciotta era suo zio, da parte di madre. Lui si era già accorto del tenore dei post pubblicati da Galmozzi. Nel febbraio del 2019 aveva rilasciato un’intervista al quotidiano La Verità dal titolo «L’estremista che uccise mio zio è libero e fa il bullo su Facebook». È in queste righe, firmate da Simone Di Meo, che Perrugini spiega: «Siamo vittime senza diritto di parola. Costrette a leggere frasi che dimostrano l’incapacità di capire il male provocato».

Nell’intervista il nipote di Ciotta dichiara di aver querelato Galmozzi per alcuni dei suoi post. Fra quelli citati nell’esposto ci sarebbe stata anche una foto simbolo di quegli anni. È uno scatto del 2 febbraio del 1977, che ritrae due studenti universitari conosciuti come Paolo e Daddo. Uno di loro ha chiaramente un’arma in mano, estratta durante uno scontro a fuoco con degli studenti fascisti, a Roma. Il commento scelto da Galmozzi sarebbe stato: «2 febbario 1977 – perchè ci vuole il cuore. Il cuore, soprattutto».

Leggi anche: